"
"La ricerca scientifica è una attività umana, perciò merita, come ogni attività umana, tutto lo scetticismo possibile; altrimenti cesserebbe di essere ricerca per costituirsi come religione inquisitoria."

Comidad (2005)
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2015 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 27/08/2015 @ 01:36:08, in Commentario 2015, linkato 1546 volte)
Il funerale di Vittorio Casamonica è stato un'ulteriore dimostrazione di come un non-evento, attraverso l'orchestrazione dell'allarmismo mediatico, possa assurgere al rango di emergenza sociale e politica. A dirigere l'orchestra mediatica è stato, come sempre, il quotidiano di fintosinistra "La Repubblica", una vera e propria centrale della manipolazione dell'opinione pubblica a fini coloniali.
Uno dei tanti funerali pacchiani del boss di quartiere è così diventato un affare di Stato, anzi, una "sfida allo Stato". Una criminalità burina e casereccia viene accreditata di aver messo in crisi le istituzioni: un rione contro la nazione. Ad essere messo sotto accusa dai media è stato infatti più il quartiere che non il clan. Tutto ciò non è fine a se stesso, e lo scopo non è affatto di "distrarre", bensì di creare un'immagine distorta dei rapporti sociali. Il copione era già stato sperimentato lo scorso anno, durante la finale di Coppa Italia, elevando al ruolo di divo della "trattativa Stadio-Mafia" l'ultrà "Genny ' a Carogna".
Anche in quel caso la lettura degli eventi fu forzata al punto da offrire l'immagine di uno Stato "troppobuonista", debole e inerme davanti alla violenza, quindi vittima di "qualunque" prepotente; uno Stato che "chiunque", anche un Genny qualsiasi, potrebbe ricattare e prendere per i fondelli. I fatti successivi raccontano tutta un'altra storia, con un Genny condannato nell'aprile scorso a una pena sproporzionata rispetto alle effettive imputazioni, a riprova di come lo "Stato", sempre comprensivo e "garantista" nei confronti dei potenti come De Gennaro e Deutsche Bank, si riveli invece punitivo e vendicativo nei confronti dei soggetti deboli. I commenti razzistici sui blog indicano che l'effetto ipnotico è stato raggiunto, perciò, nell'epoca della Diaz e di Federico Aldovrandi, il "violento" è uno che scavalca le recinzioni.
Si tratta di vere e proprie operazioni di guerra psicologica, mirate alla fascistizzazione dell'opinione pubblica. La narrazione deformata di vicende da rione o da stadio fornisce alle persone un paradigma generale, un automatismo mentale, da applicare ad ogni situazione, interna o internazionale. L'idea da imporre è che i maggiori pericoli non provengono dai potenti, ma dai deboli. Tramite la fiaba mediatica allestita sul funerale di Casamonica, il mito interclassista della "legalità" ha fatto breccia anche, e soprattutto, nell'opinione pubblica di "sinistra", dagli anni '70 riconvertita alla "questione morale" ed al culto della magistratura.
Si viene quindi convinti che ci vuole uno "Stato forte" (in politically correct: "autorevole"), che tenga a bada l'illegalità che proviene da "tutti", poveri e ricchi, deboli e potenti; ma, dato che i deboli e i poveri sono di più, ed anche più arrabbiati, ignoranti e "fanatici", è da loro che proviene la minaccia più insidiosa. L'interclassismo, come al solito, serve come esca per veicolare un odio di classe verso i poveri, in definitiva un razzismo a tutto campo, interno ed esterno.
L'esito della finta emergenza-Casamonica non sarà quindi l'introduzione di una certificazione antimafia per i funerali, ma il consolidamento nell'opinione pubblica in generale, ed in quella di "sinistra" in particolare, dell'immagine di un potere legittimato a violare le sue stesse regole in nome della propria condizione di vittima; un potere "costretto" suo malgrado a fare il duro perché deve scontare il fatto di essere stato "troppo buono" e accondiscendente in passato verso le pretese dei poveri. Il vittimismo dei potenti diventa così lo stile di governo, con esiti anche piuttosto ridicoli, dato che poi il buonsenso è duro a morire.
Pochi giorni fa oltre duecento "imprenditori" hanno firmato una lettera-appello, pubblicata sul "Corriere della Sera, per "salvare" Renzi, manco si trattasse di un detenuto di colore nel braccio della morte in Alabama. Lo strumento degli "appelli", caro alla sinistra umanitaria, viene riciclato come espediente vittimistico di un potere che recita la parte dell'incompreso esposto agli strali dell'ingratitudine.
Che duecento "imprenditori" difendano con toni accorati un governo che, al di là degli slogan sulla "crescita", compie solo scelte recessive e depressive, la dice lunga sul come questi intendano la cosiddetta impresa. Non interessa che il governo crei condizioni economiche favorevoli allo sviluppo, ma solo che impoverisca i poveri.
Nel cosiddetto capitalismo, l'impoverimento del lavoro non è un fastidioso effetto collaterale, bensì la relazione fondamentale, la base della gerarchia sociale e della gerarchia coloniale. Per venti anni ci è stato detto che umiliare il lavoro era indispensabile per la competizione internazionale con i "Paesi emergenti". Si è creato così un "alibi cinese", che è alla base dei tanti "Jobs Act" imposti in questi anni. Sennonché oggi si scopre che la recessione europea alla fine sta trascinando anche la Cina, la quale, nonostante tutti i tentativi di questi anni, non è riuscita a sviluppare una domanda interna tale da preservarla dal crollo dei consumi a livello mondiale. Il rallentamento dell'economia cinese, evidente da almeno tre anni, ha portato al prevedibile - e previsto - scoppio delle varie bolle finanziarie. La "competizione" con la Cina era quindi solo un pretesto, ed il vero scopo era di esportare nei Paesi "emergenti" la recessione europea. La depressione dovuta alla disciplina dell'euro era la grande bomba a tempo che l'imperialismo USA aveva collocato sotto i piedi dei Paesi "emergenti", impegnati a tentare di accedere all'industrializzazione.
La risposta del governo italiano alla crisi cinese è infatti basata, ancora una volta, sulla compressione del costo del lavoro, con la priorità assegnata ai contratti aziendali, che comporterà gli ovvi e ulteriori effetti depressivi sulla domanda interna. La conseguenza è che i lavoratori dovranno indebitarsi anche per accedere a consumi primari.
E l'alibi cinese che fine fa? L'alibi cinese viene riciclato in forma rovesciata, ma con gli stessi effetti pratici. Altrimenti a cosa sarebbe servita tutta quella guerra psicologica per criminalizzare preventivamente i poveri?
Se fino a ieri bisognava svalutare il lavoro e fare sacrifici per "competere" con la Cina, d'ora in poi umiliazioni e sacrifici saranno necessari per difenderci dalla "minaccia" cinese, la "bomba atomica" che incombe sull'economia mondiale. La nuova versione dei fatti è che l'Occidente "troppobuonista" in passato ha dato troppo spazio e fiducia alle pretese di arricchimento dei Cinesi, che, come i Malavoglia, hanno fatto il passo più lungo della gamba. Anche i Cinesi, come i Greci, ora sono presentati come dei poveri che hanno preteso di vivere al di sopra dei propri mezzi, ed ora rischiano di far saltare tutto. Ora si riscopre persino che la Cina è "comunista", e la si accusa di aver saputo prendere dal capitalismo solo gli aspetti "peggiori" (gli aspetti "migliori", evidentemente, sono riservati ai popoli superiori). Anche la colpa del disastro economico non sarà perciò da attribuire al capitalismo, ma si potrà catalogare tranquillamente come l'ennesimo crimine del comunismo.
 
Di comidad (del 20/08/2015 @ 00:03:15, in Commentario 2015, linkato 2038 volte)
L'Italia in questo periodo è segnata da eventi epocali come la visita di lunedì scorso della cancelliera Merkel all'Expo di Milano, con la sua susseguente "cena di lavoro" con Renzi. Non c'è quindi lo spazio per far passare notizie che potrebbero turbare gli scenari consolidati che vengono offerti dai media.
Dall'inizio di agosto circola la notizia secondo cui militari delle forze speciali SAS britanniche combatterebbero in Siria contro Assad. La cosa in sé non sarebbe una novità, ma il dato interessante è che queste operazioni militari britanniche anti-regime sarebbero compiute sotto le "mentite spoglie" di ribelli ISIS.
La notizia potrebbe essere sbrigativamente catalogata come una delle tante "bufale di internet", ma, in effetti, nel contesto siriano ha una sua plausibilità. Intanto spiegherebbe l'accento "british" dei "jihadisti" che compaiono nelle video-esecuzioni.
I "corpi speciali", o di "élite", come le SAS costituiscono una delle tante truffe ai danni del contribuente, chiamato a pagare in nome della sicurezza; salvo poi scoprire che l'insicurezza la creano proprio i corpi speciali. Una volta i corpi di élite erano quelli che si sacrificavano in battaglia, mentre oggi, nell'epoca dell'imperialismo unico, sono quelli che fanno terrorismo e trafficano in armi e droga. La critica del militarismo si deve adeguare ai tempi.
Ma ci sono anche altri aspetti più propriamente diplomatici da considerare, dato che sino al 2013 il governo britannico non dissimulava affatto la propria ostilità verso il regime di Assad e le conseguenti azioni delle SAS sul terreno siriano. Cameron non era isolato in Europa, anzi, anche il governo del "socialista" Hollande perseguiva la stessa linea con toni persino più accesi, tanto da giungere al riconoscimento diplomatico della "opposizione" siriana. L'opinione pubblica "progressista" era stata convinta della necessità dell'operazione "umanitaria" contro il dittatore di turno.
E non era stato difficile conquistare tante persone di "sinistra" al colonialismo dei "diritti umani"; poiché, da quando ha abbandonato l'idea della rivoluzione, la sinistra ha adottato come sua bandiera l'educazionismo. E cos'altro è l'educazionismo, se non un colonialismo mentale? Del resto anche il colonialismo si presenta come un programma educativo verso i popoli minorenni.
L'intenzione del primo ministro Cameron era perciò di cavalcare sino in fondo l'onda di opinione pubblica e di allargare le operazioni anti-Assad sino al punto di avviare una guerra dichiarata, ma tutto fu bloccato da un inatteso voto del parlamento. Per la verità Cameron non era apparso eccessivamente dispiaciuto di quel voto contrario, ma poi gli sono arrivati gli ordini da Washington e la macchina anti-Assad si è rimessa in moto. Vale tuttora quel voto del parlamento britannico che ha vietato azioni militari contro Assad, ma per aggirare l'ostacolo a Cameron è bastato dire che le SAS combattevano contro l'ISIS. Anche in fatto di "rispetto del parlamento", tutto il mondo è paese. All'inizio di quest'anno Cameron ha fatto sapere che forze britanniche addestrerebbero ribelli siriani "moderati" in funzione anti-ISIS.
Ma qualcuno non ci ha creduto. La risposta indiretta dei media britannici alle voci insistenti di un coinvolgimento delle SAS con l'ISIS, è stata quella di lanciare la fiaba di un eroico cecchino delle SAS, il quale, con un colpo ben assestato da un chilometro di distanza, avrebbe bloccato un carnefice ISIS prima che potesse uccidere un ragazzo e suo padre. La fonte di questa "notizia" è di inattaccabile attendibilità, in quanto si tratterebbe delle stesse SAS. Quando la propaganda militare fa ricorso a queste storie cinematografiche, ciò significa che non vi sono dati concreti da opporre.
Non solo non si forniscono dati precisi, ma si scade addirittura nel grottesco. Pochi giorni fa la stampa britannica ha infatti riportato la notizia secondo cui le SAS in Siria agirebbero davvero travestite, ma da ... soldati statunitensi! L'accorgimento dovrebbe scongiurare l'inconveniente del "fuoco amico" in caso di operazioni congiunte anglo-statunitensi. Ma, a parte il fatto che i soldati USA dovrebbero aver imparato a distinguere una divisa britannica, c'è anche da ricordarsi che il "fuoco amico" di marca USA non ha mai fatto discriminazioni di alcun genere, ammazzando chiunque capitasse a tiro.
L'unico risultato di tutti questi camuffamenti sarà, probabilmente, che i reduci delle SAS dovranno sottoporsi a psicoterapia per risolvere i loro problemi di identità.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (8)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (2)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


23/02/2019 @ 22:55:58
script eseguito in 53 ms