"
"La malevolenza costituisce pur sempre l'unica attenzione che la maggior parte degli esseri umani potrà mai ricevere da altri esseri umani."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2021 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 02/09/2021 @ 00:06:47, in Commentario 2021, linkato 5836 volte)
In questi giorni in cui il mondo è nella morsa del terrorismo dell’ISIS K e delle Brigate No-Vax, i media hanno trovato il tempo per intrattenerci sullo spettacolo del presidente USA Joe Biden che si appisolava in pubblico. Il vero scandalo in realtà sarebbe stato che Biden fosse rimasto sveglio di fronte ad un primo ministro israeliano che lo intratteneva narrando delle terze dosi di vaccino che sta somministrando, e persino con citazioni bibliche. Lamentarsi della mediocrità dei leader è un modo indiretto per mitizzare il potere che, per essere gestito, non ha bisogno affatto di tipi svegli, semmai ricattabili. Al suo arrivo alla Casa Bianca Biden ha messo fine allo sconcio dei governi infarciti di uomini di Goldman Sachs, chiamando ad assisterlo ed illuminarlo personale del più grande fondo di investimento del mondo, Blackrock.
Per Biden capire dove stessero la Via, la Verità e la Vita non è stato difficile, dato che Blackrock ha più soldi di Goldman Sachs. Noi fantastichiamo di "Nuovo Ordine Mondiale” e di “Grande Reset”, ma alla fine le cose sono più semplici. Avete fatto caso che la Verità, il Bene, la Scienza, la Morale, la Religione, la Giustizia, il Diritto Costituzionale stanno sempre dalla parte dei soldi? Più il denaro si concentra in poche mani, più la luce della Verità risplende. Il denaro dà senso, conferisce a chiunque status ed onorificenze. Pensavi di essere un fesso qualsiasi? Invece tu sei un Virologo; tu sei una Vittima del terrorismo ad honorem; ci sono medagliette per tutti, basta stare dalla parte giusta.
Biden ha dimostrato di aver imparato la lezione dai suoi consulenti, così ha congelato i beni dell’Afghanistan depositati presso le banche americane, circa dieci miliardi di dollari. La ricchezza è fatta di tanti piccoli furti nei confronti dei poveri; furti persino doverosi, perché un governo oscurantista come quello talebano farebbe sicuramente un pessimo uso di quei fondi. Ammesso che quei fondi non siano già spariti definitivamente, come i miliardi libici che Gheddafi aveva saggiamente affidato a Goldman Sachs.
Dopo il Fondo Monetario Internazionale, anche la Banca Mondiale ha sospeso le linee di credito che, secondo il regolamento della Banca, sarebbero spettate all’Afghanistan. La motivazione è la stessa offerta dal FMI: l’Afghanistan attuale non dà garanzie di stabilità. Senza soldi i Talebani non potranno comprarsi i consensi delle varie etnie con stipendi e infrastrutture; in compenso potranno stroncarne la ribellione con le armi americane ereditate dal dissolto esercito afgano. La prosecuzione della guerra civile è assicurata, perciò i finanziamenti del FMI e della BM spettanti a Kabul potranno essere dirottati verso un più opportuno assistenzialismo per ricchi.

I ricchi rubano ai poveri esclusivamente per fare il bene dei poveri ma, mentre gli Americani a volte si dimostrano un po’ rozzi e sbrigativi nel farlo, gli Inglesi possono vantare un’altra classe. La Bank of England rifiuta di restituire al Venezuela le riserve auree che Caracas vi aveva depositato; nel frattempo la magistratura inglese fa la sua parte di indecisa: questo oro a chi lo do? A Maduro o a Guaidò? Il governo inglese ha riconosciuto il golpista Guaidò come legittimo presidente del Venezuela, ma neanche lui finora ha visto un lingotto. Con questa annosa manfrina giudiziaria, la Bank of England continua a tenersi l’oro venezuelano, ed a qualcuno comincia a venire il dubbio che i lingotti siano già partiti per altri lidi.
Anche la Banca d’Italia tiene riserve auree presso la Bank of England, ma oltre mille tonnellate di oro italiano sono depositate presso la Federal Reserve americana. Un bell’ostaggio per garantirsi la fedeltà dell’alleato. Anche in questo caso è lecito qualche dubbio sulla effettiva sorte di quell’oro; che rimarrà comunque misteriosa, tanto nessun governo italiano oserebbe mai chiederne la restituzione.

Un benpensante (o, come si dice oggi, un politicamente corretto) sa che a fare i “furbetti” sono sempre e solo i poveri, come dimostrano i tanti scandali legati al cosiddetto “reddito di cittadinanza” (in effetti un sussidio di disoccupazione), su cui i media quotidianamente ci informano. Sussidiare i disoccupati è immorale perché gli toglie dignità, voglia di lavorare ed auto-imprenditorialità, perciò i miliardi del reddito di cittadinanza sarebbe giusto darli agli Elkann, che saprebbero certamente come utilizzarli meglio. Se proprio il sussidio di disoccupazione non si riesce ad eliminarlo, che almeno i disoccupati vengano colpevolizzati per il fatto di percepirlo, e per fortuna i media stanno provvedendo a riguardo.
Dal punto di vista economico i sussidi di disoccupazione svolgono un ruolo positivo poiché, rendendo il lavoratore meno ricattabile, impediscono il crollo del livello dei salari e quindi la caduta della domanda, con tutte le conseguenze recessive che ciò comporterebbe. Ma queste sono appunto considerazioni economiche, materialistiche, mentre la vera urgenza è elevare il livello morale dei poveri, far capire loro l’importanza del lavoro, perciò è opportuno farglielo perdere. Ci sono multinazionali finanziarie, come la britannica Melrose Industries, proprietaria della GKN, che svolgono un ruolo meritorio: rilevano aziende in difficoltà in modo da intercettare i fondi che gli Stati stanziano per l’occupazione, dopodiché chiudono le fabbriche e licenziano i lavoratori. I fondi per l’occupazione vengono così dirottati verso la finanza speculativa, mentre i lavoratori rimangono con la consapevolezza morale del valore del lavoro, poiché l’hanno appena perso. Qualche malpensante potrebbe supporre che spesso e volentieri anche i ricchi facciano i “furbetti”: chi la pensa così è evidentemente un complottista e un terrapiattista.

Ringraziamo Claudio Mazzolani per la collaborazione.
 
Di comidad (del 26/08/2021 @ 00:18:38, in Commentario 2021, linkato 5855 volte)
Quando il Sacro Occidente, all'unisono mediatico, intona il lamento per la propria “sconfitta”, l’antioccidentalista “sgamato” si mette in sospetto poiché sa che la psicodrammatica è uno degli schemi di potere più ricorrenti del sacroccidentalismo. Intanto abbiamo scoperto che, nonostante una certa stanchezza, la guerra in Afghanistan è rimasta “popolare” come nel 2001, con un appoggio convinto di una parte dell'opinione pubblica, che ha vissuto il ritiro come un dramma personale e lo ha usato per rinfocolare i propri istinti guerrafondai.
La ventennale guerra della NATO in Afghanistan ha presentato sin dall’inizio evidenti anomalie, come l’assoluta inconsistenza delle motivazioni ufficiali: la “lotta al terrorismo” appariva infatti fuori luogo, dato che i Talebani non c’entravano nulla con l’11 settembre e farli oggetto della vendetta appariva pretestuoso. Enrico Letta ricorda male: la “esportazione della democrazia” fu tirata fuori tra i casus belli dell’invasione dell’Iraq del 2003, non per l’Afghanistan. A ciò si aggiunge l’evanescenza degli obbiettivi strategici dichiarati. Come molti commentatori hanno già ricordato, il paragone col Vietnam è improponibile, poiché in Afghanistan un vero confronto di forze sul campo non c’è mai stato.
Tutte le guerre imperialistiche sono cordate di affari e le “guerre anomale” più di tutte. La presenza massiccia di ONG sul suolo afgano ha consentito non solo di riciclare il denaro sporco dell'oppio (il cui boom produttivo è coinciso “casualmente” con l’occupazione della NATO), ma anche il denaro pubblico destinato ad iniziative umanitarie, trasformato in investimenti più remunerativi. D’altra parte i business si esauriscono oppure ad un certo punto i costi superano i profitti, perciò può anche arrivare il momento di abbandonare il campo. Ammesso che sia così, sarebbe comunque improprio parlare in questo caso di sconfitta dell’imperialismo.
Gli stessi Talebani, come campioni dell’antimperialismo, risultano abbastanza improbabili, visti i loro organici rapporti con i servizi segreti pakistani. Il rapporto privilegiato con il Pakistan è anche alla base del riconoscimento internazionale che di fatto è stato accordato al nuovo regime talebano da molti governi dell’area. Prima dell'invasione del 2001 i Talebani non controllavano però pienamente il territorio afgano, soprattutto al Nord del Paese, ed è probabile che le cose rimangano così, a prescindere da ciò che deciderà di fare il figlio di Massud.

Presentare l'arrivo dei Talebani a Kabul come la calata dei barbari appare inoltre una palese forzatura. Negli anni ’80, quando gli invasori erano i Sovietici, il Sacro Occidente non si indignava per i burqa o per la mancata istruzione delle donne, oppressioni che c’erano da prima del regime talebano e che il regime comunista locale contrastava. Per di più, in tanti anni di propaganda occidentalista, nessuno straccio di prova è stato mai portato circa i rapporti tra Talebani ed attentati esterni al territorio afgano.
Va anche sottolineato che la NATO non aveva affatto creato un clima idilliaco di rispetto dei mitici “diritti umani”. Due anni fa un rapporto di Human Rights Watch rivelava che in Afghanistan vigeva il terrore delle squadre della morte finanziate dalla CIA. Human Rights Watch ed Amnesty International pubblicano questi rapporti “scomodi” per mantenersi credibili, sapendo però in anticipo che, quando si tratta di crimini statunitensi ed israeliani, non saranno rilanciati dai grandi media: è un compromesso, un gioco delle parti, che consente a queste organizzazioni per i diritti umani di sopravvivere e di tornare utili allorché sulla graticola mediatica deve finire qualche “dittatore” sgradito al Sacro Occidente. Non è realistico ritenere che questi omicidi seriali colpissero solo i Talebani o i loro simpatizzanti, e testimonianze di veterani americani confermano che fossero direttamente coinvolti nei crimini persino i corpi di polizia addestrati dalla NATO.
La superiorità morale del Sacro Occidente si basa esclusivamente sulla potenza mediatica che consente al bue di dire cornuto all’asino. Durante il regime paradisiaco della NATO, i dati ufficiali dell'ONU registravano 2,6 milioni di profughi afgani registrati, gran parte di questi rifugiati in Pakistan ed in Iran. Ma allora la questione dei profughi afgani non allarmava i media come adesso, sebbene i numeri attuali siano inferiori.
Secondo fonti della stessa ONU i rifugiati afgani non registrati sarebbero addirittura qualche milione in più di quelli registrati, la maggior parte accolti in Iran. L'ONU ammette che, pur con qualche problema, l'Iran (Stato “canaglia” per eccellenza, secondo la propaganda occidentalista e infatti colpito da innumerevoli sanzioni) fa molto per assistere i profughi, assicurando l’istruzione anche ai bambini afgani privi di documenti. Gli Stati occidentali invece già litigano tra loro per accogliere qualcuno di quei profughi, su cui pure stanno versando calde lacrime.

Altro aspetto poco convincente della vicenda riguarda l'eccessiva pressione mediatica sul personaggio Biden. Fa parte del roleplay americano assegnare sempre al presidente democratico la parte dell’imbelle, ma a decidere tempi e modi di un ritiro non è il presidente USA, bensì direttamente il Pentagono, che ha anche tutti i mezzi per bloccare eventuali direttive presidenziali non gradite. Se c’è stata “precipitazione” nell’evacuazione, tale da creare la solita “emergenza umanitaria”, appare difficile pensare che sia stata casuale. Nessuna sconfitta sul campo incalzava le truppe NATO o ne metteva in questione l’incolumità, come era accaduto invece a suo tempo in Vietnam, dove le truppe USA dovevano vedersela non solo con la guerriglia Vietcong ma soprattutto con l'esercito regolare nord-vietnamita.
La “emergenza umanitaria” sta già diventando il pretesto per una sorta di parziale reinserimento della NATO, con i “voli umanitari”. Quest’appendice potrebbe rappresentare un modo per proseguire l’ingerenza della NATO; e ci potrebbe anche essere il risvolto di un ennesimo business legato ai profughi, da monitorare con attenzione. I media parlano di un “ultimatum” dei Talebani alla NATO, un'intimazione a sgombrare entro il 31 agosto, ma l'effettiva dichiarazione sembra più un richiamo al rispetto degli impegni presi. Aver fatto questo richiamo è stato comunque un atto di ingenuità, che i media occidentali hanno sfruttato a dovere per alimentare nell'opinione pubblica la psicosi revanscista, infatti sono già cominciate le pressioni per posticipare il ritiro della NATO.
L’artificiosità di questa ennesima emergenza umanitaria pone dei dubbi sulla effettiva volontà di un pieno ritiro della NATO e apre spazio all'ipotesi di un piano per ristrutturare il tipo di presenza militare con l'alibi del “salvataggio”, sia dei profughi, sia delle donne minacciate dal ritorno del burqa. A complicare il quadro sono arrivate nelle ultime ore persino notizie incontrollate su un possibile attacco dell'Isis a Kabul, così il clima di corsa al “salvataggio” è completo. Il “salvataggio” è un alibi tipico del Sacro Occidente, un richiamo della foresta per i colonialisti (pardon, per i “salvatori”) irriducibili. Certo, potrebbe trattarsi solo di uno psicodramma per digerire la frustrazione e ribadire la superiorità occidentale, ma è bene considerare anche ipotesi diverse.

Ringraziamo Claudio Mazzolani per la collaborazione.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (5)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (37)
Commenti Flash (61)
Documenti (29)
Emergenze Morali (1)
Falso Movimento (10)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (23)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (18)
Storia (9)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


19/09/2021 @ 21:17:45
script eseguito in 62 ms