"
"La ricerca scientifica è una attività umana, perciò merita, come ogni attività umana, tutto lo scetticismo possibile; altrimenti cesserebbe di essere ricerca per costituirsi come religione inquisitoria."

Comidad (2005)
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2021 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 16/12/2021 @ 00:17:02, in Commentario 2021, linkato 6388 volte)
I nessi tra fisco e libertà civili sono familiari alla storiografia, dato che le maggiori rivoluzioni, da quella inglese, a quella americana a quella francese, sono state originate da questioni fiscali. Oggi ci è anche più chiaro che, se certe libertà ci venivano concesse, non era per la nostra bella faccia, ma perché ogni limitazione alla libertà di movimento causava un calo della produzione e dei consumi, e quindi del gettito fiscale per lo Stato. L’arrivo del Quantitative Easing (la produzione illimitata di moneta da parte delle banche centrali a fini di acquisto di titoli pubblici e privati) ha comportato una minore dipendenza dello Stato dalle entrate fiscali, e perciò ha reso possibile la stretta su libertà che sembravano ovvie e acquisite. Prima del Quantitative Easing sarebbero state impensabili limitazioni alla libertà di circolazione come il lockdown ed il Green Pass. C’è quindi qualcosa di peggio persino del fisco, ed è appunto il QE, tramite il quale le oligarchie che occupano quell’astrazione giuridica detta “Stato” possono spiazzare tutte le resistenze sociali.
Certi argomenti non sono più esclusiva dei “complottisti”, e persino nell’ambito della stampa di informazione finanziaria si ipotizza che il lockdown in Austria sia stato adottato non per motivi sanitari, bensì per “raffreddare” i consumi e quindi l’inflazione. Gli attuali pericoli di iper-inflazione sono stati causati proprio dai precedenti lockdown, in quanto dopo la stasi della produzione e dei consumi c’è stata una corsa all’acquisto delle materie prime con il conseguente balzo dei prezzi. Va comunque precisato che dal punto di vista della lobby dei creditori “iper-inflazione” è anche un’inflazione solo al 10%, che comunque eroderebbe il valore dei crediti.
Il lockdown ha però anche un’altra valenza oltre il raffreddamento dell’inflazione, in quanto è anche un modo per perpetuare il clima di emergenza ponendo le condizioni per la prosecuzione dei QE nella versione più fluviale. L’emergenza cronica garantisce il QE eterno e infinito. C’è quindi un sistema che da un lato si droga di liquidità monetaria, dall’altro lato deve ricorrere ai lockdown e misure similari per evitare gli effetti inflazionistici dovuti a tutta quella liquidità. Il sistema finanziario sembra quindi caduto in una sorta di sindrome maniaco/depressiva, con fasi di euforia da sovrabbondanza monetaria, alle quali devono poi accompagnarsi provvedimenti di raffreddamento della produzione e dei consumi per evitare possibili conseguenze inflazionistiche.

Anche su giornali del mainstream come “The Guardian” la riflessione sugli effetti del QE spinge alcuni analisti ad ipotizzare che la società sia diventata una sorta di cavia per esperimenti finanziari. Il QE sembrerebbe ispirarsi alla Modern Monetary Theory, un’evoluzione della dottrina keynesiana, secondo la quale lo Stato può produrre tutta la moneta che gli serve, perciò il fisco avrebbe solo una funzione di indirizzo economico. Sennonché la MMT presuppone una società idilliaca, in cui l’obbiettivo sia la piena occupazione e in cui gli interessi di nessuna lobby possano prevalere sugli altri. Ma accade il contrario: in una società con illimitata mobilità internazionale dei capitali tendono a prevalere gli interessi della lobby più forte, che è quella dei creditori, per cui l’afflusso illimitato di liquidità monetaria diventa un’arma in più nelle mani delle multinazionali del credito.
Per la lobby dei creditori la piena occupazione è un pericolo da scongiurare, poiché qualsiasi aumento del potere contrattuale dei lavoratori, e quindi dei salari, comporterebbe rischi di inflazione. Lo stesso vale per la funzione di indirizzo della leva fiscale, che non viene usata dai governi a fini redistributivi, bensì per accelerare la concentrazione forzosa dei capitali. I governi tendono infatti a colpire la piccola proprietà immobiliare, in modo che la caduta del valore degli immobili ne favorisca l’acquisizione a prezzi stracciati da parte di multinazionali.
Lo scorso anno il provvedimento del lockdown non fu sponsorizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, bensì dal Fondo Monetario Internazionale, e ciò già dice tutto. Le spiegazioni addotte dal FMI per consigliare i lockdown apparivano del tutto inconsistenti e non davano conto minimamente degli ovvi effetti deflazionistici del lockdown e degli effetti inflazionistici di una successiva ripresa della produzione e dei consumi.
La letteratura scientifica in campo finanziario ha potuto inquadrare il comportamento di istituzioni come il FMI, le quali appaiono segnate da gravi conflitti di interessi. Il fenomeno della porta girevole tra mondo accademico, istituzioni finanziarie statali e sovranazionali, e multinazionali del credito, ha assunto proporzioni tali da aver consentito l’affermazione di un lobbying finanziario pervasivo e onnipresente.
Il caso del Fondo di Investimento Blackrock, che, secondo il modello già sperimentato da Goldman Sachs, ha praticamente “occupato” l’Amministrazione Biden, ha riscosso l’attenzione e l’allarme di vari analisti del settore finanziario. Blackrock detiene anche i maggiori pacchetti azionari di multinazionali come Google, Amazon e Pfizer, perciò si verifica una concentrazione di capitali e di potere politico in poche mani. Le menti ristrette e retrograde considerano la porta girevole come una forma legalizzata di corruzione, mentre invece è la prova dell’esistenza di una super-razza, quella dei “competenti”, che ha la sacra missione di salvare l’umanità dall’estinzione; allo stesso modo di quelle caste sacerdotali dell’antichità, che con i loro rituali sacrificali impedivano al sole di spegnersi.
 
Di comidad (del 09/12/2021 @ 00:06:27, in Commentario 2021, linkato 6232 volte)
Una famosa canzone di Luigi Tenco diceva: “Mi sono innamorato di te perché non avevo niente da fare”. La si potrebbe attualizzare con un: “Ho firmato un trattato con te perché non avevo niente da fare”. Il riferimento è a casi come il Trattato di Aquisgrana del 2019 tra Francia e Germania, oppure al Trattato del Quirinale di pochi giorni fa tra Francia e Italia. Per il trattato del 2019 si parlò addirittura di nascita della “Framania”, mentre oggi, per fortuna, nessuno si è azzardato a parlare di “Fritalia”. Questi trattati bilaterali tra Stati europei, oltre a contraddire la mitologia sull’Unione Europea, appaiono in parte superflui, poiché ribadiscono una prassi di affari legati agli armamenti che sarebbe persino meglio dissimulare; oppure appaiono velleitari, in quanto vorrebbero conferire al militarismo degli affari anche una valenza strategica quantomeno surreale.
La retorica sulla “Difesa Europea” è infatti smentita dal dato oggettivo che l’Europa dell’Est è un feudo statunitense all’interno della NATO. Il tentativo da parte di USA e Polonia di annettere l’Ucraina alla NATO trova resistenze sempre più decise da parte della Russia, e queste resistenze non si allenterebbero neppure se invece di Putin al Cremlino ci fosse Madre Teresa di Calcutta. La neutralità dell’Ucraina per la Russia è questione di sopravvivenza, ed una dissoluzione della Russia non conviene a nessun Paese dell’Europa occidentale. Soprattutto non converrebbe alla Germania, che se la dovrebbe vedere con una Polonia assurta al rango di superpotenza regionale, che dopo aver regolato i conti con la Russia vorrebbe regolarli anche con la Germania. Eppure, contro i propri interessi, gli Stati dell’Europa occidentale sono tutti allineati con Washington nel proseguire le provocazioni contro la Russia.
Si è detto anche che il Trattato del Quirinale sottintenderebbe un accordo tra Francia e Italia per frenare le ambizioni imperiali della Turchia di Erdogan nel Nord-Africa. Ma prima di trovare a riguardo un accordo con l’Italia, la Francia dovrebbe anzitutto trovare un accordo con se stessa. Nel 2020 Macron sembrava aver sposato per la Libia la causa del generale Haftar, salvo poi mollarlo, persino prima che fosse Erdogan ad imporgli l’alt alla conquista di Tripoli. Parigi vorrebbe proseguire la sua politica imperialistica in Africa, ma non ne ha né i mezzi, né la determinazione.

Altra ipotesi del tutto assurda sul Trattato del Quirinale sarebbe quella di un’intesa franco-italiana per contrastare un eventuale ritorno della Germania all’austerità. Quest’ipotesi rappresenta uno di quei casi in cui la propaganda prende la mano anche agli analisti. Il potere contrattuale della Germania nei confronti di Francia e Italia è pressoché nullo. Sono state proprio l’Italia, e poi a seguire la Francia con la trovata del Recovery Fund, ad accreditare il falso mito che sia la Germania a garantire per il debito dei soci europei; e basterebbe la pochezza finanziaria del Recovery Fund a smentire la fiaba.
In realtà il “vincolo esterno” del rigorismo tedesco è solo un’invenzione, dell’oligarchia italiana. Il “vincolo esterno” ha una doppia valenza: serve come alibi per attuare una vendetta sociale contro la propria popolazione, ma, al tempo stesso, rappresenta per l’oligarchia nostrana una leva in campo internazionale. Come sapeva già Diogene, il servilismo e l’adulazione sono anche tecniche di dominio, un modo di manipolare e condizionare i soggetti più forti, ed è quello che l’oligarchia italiana fa da decenni nei confronti della Germania, sempre più “trascinata” nel progetto europeo. Il Trattato del Quirinale , voluto da Gentiloni e Letta, rappresenta un analogo tentativo nei confronti della Francia, ma stavolta l’operazione adulatoria risulta segnata da una notevole goffaggine.
Comunque tutto ciò sarebbe ancora nella “norma”: da sempre le oligarchie fanno il proprio mestiere, che è quello di cercare di escludere dal potere e dal reddito la gran parte della popolazione e di partecipare alla gara imperialistica in base ai mezzi che si hanno a disposizione. Le oligarchie tendono per loro natura a costituirsi in una sorta di “bolla” ed a sradicarsi dal proprio territorio per aspirare ad integrarsi con le altre oligarchie. Il punto è che in questa fase la bolla oligarchica ha assunto caratteristiche di autoreferenzialità del tutto esasperate, che possono essere spiegate soltanto col fatto nuovo del “Quantitative Easing”, il cosiddetto “alleggerimento quantitativo” operato da banche centrali come la Banca Centrale Europea: un acquisto massiccio di titoli pubblici e privati operato grazie ad una immissione senza precedenti di liquidità monetaria. Dal marzo dell’anno scorso il QE della BCE ha assunto una forma ancora più “hard” con il PEPP, Pandemic Emergency Purchase Programme.
Il denaro è capace non solo di comprarti ma anche di suggestionarti, e la possibilità di indebitarsi con tassi prossimi allo zero induce nelle oligarchie una condizione di euforia che determina persino l’illusione di poter fare a meno della propria popolazione, o anche di poterne disporre a piacimento. Il perdurare di questo stato di suggestione delle oligarchie è legato alle sorti della bolla finanziaria creata dal QE.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (5)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (52)
Commentario 2022 (53)
Commentario 2023 (4)
Commenti Flash (61)
Documenti (30)
Emergenze Morali (1)
Falso Movimento (10)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (28)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (18)
Riceviamo e pubblichiamo (1)
Storia (9)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


27/01/2023 @ 01:33:22
script eseguito in 62 ms