"
"Il Congresso nega nel principio il diritto legislativo" "In nessun caso la maggioranza di qualsiasi Congresso potrà imporre le sue decisioni alla minoranza"

Congresso Antiautoritario Internazionale di Saint Imier, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commenti Flash (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 06/10/2014 @ 00:57:55, in Commenti Flash, linkato 1792 volte)
La narrazione fiabesca passa ormai senza nessuna difficoltà nella comunicazione ufficiale. Le "Fiabe del Califfato" soppiantano "Le Mille e Una Notte".
I primi bombardamenti alle presunte "postazioni dell'ISIS" da parte dei francesi (svariate tonnellate di bombe) sono stati preceduti da discorsi del presidente alla nazione molto commoventi: la Francia avrebbe difeso con ogni mezzo la sua integrità territoriale, le sue istituzioni nazionali, la sua libertà, la sua gastronomia.
In effetti tre persone erano state arrestate a Marsiglia, si dice che fossero jihadisti, e pare volessero penetrare nel territorio francese. D'altra parte la popolarità di Hollande è in caduta libera, il libro pubblicato dalla sua ex compagna ha venduto milioni di copie e lo fa una merda (non che ci volesse molto); il lungo sciopero di Air France stava davvero mettendo in difficoltà la compagnia, quindi un bel bombardamento distrae e rinfocola lo spirito nazionale. La destra francese ("Le Figaro") cerca di incarognirsi (e ci riesce senza sforzo), rimproverando a Hollande di essere troppo tenero con i musulmani francesi: bisogna espellere subito anche i minorenni, se sospetti...
Su "l'Espresso" del 18 settembre, un'inchiesta a tutto campo per delineare, con dettagli di ammirevole precisione, l'inarrestabile avanzata del Califfato: dal Marocco all'India, dall'Egitto al Pakistan, dalla Siria all'Iraq. Il reportage è sconvolgente e, oltre alla solita conta dei militanti in partenza (ma chi li conta? perché non vengono fermati?), ecco come viene farcito l'articolo:
* in Indonesia, il paese musulmano più popolato (250 milioni di abitanti), sembra siano stati trovati dei volantini...........!!
* in Algeria i servizi segreti sono certi: ci avvertono che ormai i vertici delle principali formazioni jihadiste parteggiano apertamente per il califfo, perciò si potrebbe anche ipotizzare una partecipazione diretta, continua e strutturata...!
* in Pakistan pare siano stati distribuiti degli opuscoli con una bandiera che sembrerebbe quella dell’Isis...
* in Marocco sono state arrestate due ragazze che volevano andare in ... Turchia! Dato che in Turchia non c'è niente da fare, è chiaro che ci andavano per unirsi all'Isis.
* in Tunisia sembra sia stato ritrovato il computer di uno studente... Nel computer pare ci fossero 146 gigabyte di file nascosti, con quelli che forse potrebbero essere manuali di fabbricazione di bombe e ordigni biologici....
 
Il Middle East Institute dichiara nel suo logo la volontà di fornire analisi geopolitiche non partigiane o faziose sul Medio Oriente (Providing non-partisan, expert information and analysis on Middle East). E chi potrebbe mai dubitarne? Il vice direttore del MEI, Paul Salem, scrive infatti articoli che sono un modello di equilibrio e pacatezza. Possiamo trovarne un esempio in un articolo di pochi mesi fa, dove si faceva appello agli USA, notoriamente troppo restii e riluttanti a bombardare chicchessia, perché mostrassero finalmente un po’ di buona volontà nel caso ISIS. Sappiamo che, un po’ controvoglia, gli USA lo hanno poi accontentato. Ma il raffinato analista ha dovuto utilizzare il meglio della sua capacità argomentativa per spiegare come i bombardamenti non siano soltanto efficaci, ma anche terapeutici e persino taumaturgici, per non parlare dell’ansia delle popolazioni coinvolte che non aspettano altro.
Ecco alcuni passi di questo panegirico del bombardamento:
"-A breve termine un intervento del genere quasi certamente conterrebbe l’organizzazione terroristica;
-Sul medio periodo potrebbe avere un impatto positivo su altre aree in mano ai ribelli;
-Creare nuove opportunità per garantire gli aiuti umanitari;
-Aumentare le possibilità di un ritorno ai negoziati politici."
E ancora, dal panegirico all'apoteosi mistica:
"Gli eventuali bombardamenti aerei dell’ISIS da parte degli Usa non riuscirebbero a sradicarla dalle città che ha già conquistato in Siria, ma potrebbero impedire all’Isis di attaccare altre zone…..
Tutto ciò costituirebbe un notevole passo avanti e infonderebbe sicurezza e fiducia in aree oggi sotto il controllo dei ribelli moderati non jihadisti. Se poi a ciò si aggiungesse una politica di serio sostegno all’Esercito siriano libero (Fsa) in termini di armamenti, finanziamenti e addestramento militare………
Con un solido sostegno internazionale, e con bombardamenti aerei assicurati dagli Usa e da altri alleati, la coalizione guidata dall’FSA potrebbe riconquistare terreno.
E per la popolazione che vive sotto occupazione da parte dell’Isis (questa pioggia di bombe, ndr), se arrivasse, sarebbe gradita.
Un intervento aereo avrebbe oltretutto un impatto diretto sul regime di Assad… potrebbe portare anche alla tacita creazione di una no fly zone."
Pare che, a differenza delle benefiche bombe americane, le bombe di Assad abbiano effetti del tutto indesiderabili: con la no-fly zone invece…
"...l’aviazione di Assad non avrebbe la libertà di organizzarvi bombardamenti aerei e sganciare le cosiddette “bombe barile” sulle città che negli ultimi tre anni hanno sterminato migliaia di persone..."
quindi l’intervento Usa:
"... potrebbe consentire alle piccole città e ai paesini liberati di accedere a un maggiore livello di sicurezza, permetterebbe ai gruppi umanitari di intervenire con più libertà di movimento, e consentirebbe alle aree interessate di iniziare a ricostruire la vita sociale ed economica."
Un vero miracolo! Non sono bombe, è manna dal cielo. C'è da farsi venire l'invidia che non bombardano anche noi.
Altri bomb-benefit nell’articolo di Paul Salem pubblicato su "l’Espresso" del 2 settembre.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (22)
Commenti Flash (61)
Documenti (45)
Falso Movimento (6)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (12)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


26/05/2020 @ 23:40:25
script eseguito in 66 ms