"
"La privatizzazione è un saccheggio delle risorse pubbliche, ma deve essere fatta passare come un salvataggio dell’economia, e i rapinati devono essere messi nello stato d’animo dei profughi a cui è stato offerto il conforto di una zuppa calda. Spesso la psico-guerra induce nelle vittime persino il timore di difendersi, come se per essere degni di resistere al rapinatore fosse necessario poter vantare una sorta di perfezione morale."

Comidad (2009)
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 05/04/2009 @ 00:09:43, in Documenti, linkato 1407 volte)
Tratto da Umanità Nova, n.13 del 5 aprile 2009, anno 89 - www.ecn.org/uenne/

Per coloro che hanno sempre sostenuto che Roberto Saviano è un razzista, un agente provocatore o, quanto meno, un fantoccio della CIA, della NATO e delle multinazionali, è giunto finalmente il tempo della vergogna e - si spera - del rimorso. La prova inconfutabile che Roberto sia in realtà per le plebi meridionali un profeta ed un benefattore, ci è pervenuta dal suo incontro della fine del febbraio scorso con il presidente israeliano Shimon Peres, svoltosi per tre quarti d’ora nello studio del vecchio combattente.
Le parole del leader israeliano hanno finalmente svelato allo stesso Saviano il senso ultimo del suo “Gomorra”. Peres ha infatti confidato al giovane scrittore che anche gli Israeliani devono vedersela con la loro camorra, che è rappresentata dagli integralisti islamici di Hamas. Unendo la saggezza dello statista all’acume del sottile pensatore, Peres ha aggiunto che non si tratta di uno scontro di civiltà, ma di uno scontro tra civiltà ed inciviltà. Peres ha anche rivelato di aver trasmesso questo suo pensiero al papa, il che ci fa supporre che le già proverbiali capacità intellettuali di Ratzinger ne saranno uscite ulteriormente ravvivate.
Il vecchio combattente ha poi concluso invitando Saviano a stabilirsi in Israele e infine, di fronte alla domanda di come si viva sotto scorta, ha comunicato il suo incomparabile messaggio morale: il segreto consiste nel non aver paura. Chi altri avrebbe mai potuto esprimere un pensiero così profondo, se non un personaggio di così elevata statura morale?
Certo Peres, quando ha ricordato l’episodio dell’assassinio di Rabin a cui dovette assistere, si è dimenticato di precisare che il sicario era un israeliano e non un palestinese, ma solo un fazioso antisionista si soffermerebbe più di tanto su un dettaglio così trascurabile.
E Saviano che ha detto? Quasi nulla. Ha farfugliato, a titolo di cortesia, solo qualcosa sul pericolo costituito dalla mafia russa, dato che oggi Putin è il bersaglio preferito dei commentatori sionisti.
E che altro avrebbe dovuto dire Roberto? Pare che la scorta che lo tiene sotto sequestro - pardon, protezione - lo abbia prelevato durante il sonno, per farlo poi risvegliare il mattino dopo in Israele, già pronto ad udire le nobili parole del vecchio leader israeliano, che Roberto è riuscito disciplinatamente ad ascoltare senza sbadigliare neppure una volta.
Ma nel viaggio di ritorno in aereo, mentre gli uomini della sua scorta finalmente si rilassavano, Roberto poteva meditare, fra sé e sé, sulle illuminanti parole del vecchio leader.
Se Hamas è come la camorra, allora - per simmetria - anche la camorra è come Hamas. Roberto si è chiesto come mai questo evidente nesso tra camorra ed integralismo islamico potesse essergli sfuggito prima. Non aveva scritto proprio lui che Zagaria, il boss del Clan dei Casalesi, aveva come soprannome “Bin Laden”? E qual è la cura che Peres e gli altri dirigenti israeliani prescrivono per guarire la piaga del terrorismo islamico? I bombardamenti.
“Gomorra” è il nome della città che nella Bibbia - nel libro della Genesi -, insieme con Sodoma, viene distrutta da Dio con un bombardamento ante litteram. Il fatto che Roberto avesse scelto quel titolo per il suo libro, era un inequivocabile segno del destino.
Inevitabilmente il bombardamento di Gomorra comporterà, come effetto collaterale, qualche milione di morti, ma si sa che anche la camorra, come Hamas, si serve di scudi umani.
E poi, per ripopolare la Campania, sembra che Peres abbia generosamente promesso di fornire qualche decina di migliaia di coloni israeliani. Non è ancora una promessa ufficiale, ma ci sono buone speranze che si avveri.
Comidad
 
Di comidad (del 30/03/2009 @ 00:07:29, in Documenti, linkato 1181 volte)
L'OPPIO E' LA RELIGIONE DEL CAPITALE
Ma è solo un romanzo.

Ghosh Amitav, l’autore del romanzo da cui abbiamo tratto alcuni passi, è nato a Calcutta nel 1956, ha studiato a Oxford ed è uno dei più acclamati scrittori indiani di lingua inglese, ma lavora anche come antropologo e giornalista. Il romanzo “Mare di Papaveri”(2008) è il primo quadro di una trilogia dedicata alla nascita dell’India moderna. Scritto con grande padronanza della tecnica narrativa, il romanzo ha come sfondo storico gli avvenimenti (siamo nel 1838) che precedono la Guerra dell’Oppio contro la Cina.
Ma al di là delle altre qualità del romanzo, quello che ci interessa è la capacità di rendere in modo esauriente aspetti importanti della ideologia e della strategia coloniale, in particolare il legame decisivo del colonialismo anglo-americano con la droga.

[…] “In tal caso, signore” disse Burnham, “tocca a me informarla che ultimamente i funzionari di Canton hanno bloccato l’entrata dell’oppio in Cina. E’ opinione condivisa da noi uomini d’affari che non si può consentire ai mandarini di fare ciò che meglio credono. Chiudere questo commercio sarebbe rovinoso…per ditte come la mia, ma anche per lei, e a dire il vero per tutta l’India”.
“Rovinoso?” disse mitemente Neel. “Ma senza dubbio possiamo offrire alla Cina qualcosa più utile dell’oppio”.
“Vorrei che fosse vero” disse Burnham. ”Ma purtroppo non è così. Molto semplicemente, non c’è niente che loro vogliano da noi, si sono messi in testa di non aver bisogno dei nostri prodotti e delle nostre manifatture. Noi d’altra parte non possiamo rinunciare al loro tè e alla loro seta. Se non fosse per l’oppio, il salasso per la Gran Bretagna e le sue colonie sarebbe insostenibile”.
A quel punto intervenne Doughty: “Vede, il problema è che Johnny Chinaman pensa di poter tornare ai vecchi tempi, prima della sua passione per l’oppio. Ma indietro non si torna, non si può”. “Tornare indietro?” Neel era sorpreso. “Ma la fame d’oppio risale all’antichità”.
“L’antichità?” lo schernì Doughty. “Come sarebbe a dire? Perfino quando sono andato a Canton la prima volta, da ragazzo, ne circolava pochissimo. Ha una testa dannatamente dura, Johnny-codino. Posso assicurarle che non è stato facile convincerlo ad affezionarsi all’oppio. No, signore, per dar credito a chi se lo merita, bisogna riconoscere che la richiesta di oppio sarebbe assai modesta se non fosse per la perseveranza dei mercanti americani e inglesi. … […]
Non avendo mai riflettuto molto sul commercio, Neel pensava che in Cina il traffico di oppio fosse legalmente approvato: gli sembrava naturale, dal momento che in Bengala tale commercio era non solo autorizzato ma anche monopolizzato dalle autorità britanniche, con il suggello della Compagnia delle Indie orientali. […] “Dunque le autorità cinesi non vedono di buon occhio la vendita dell’oppio?”
“Purtroppo è così” disse Burnham “ E’ già un po’ che storcono il naso, ma in passato non hanno mai fatto un simile tumasher: i mandarini e gli altri musi gialli hanno sempre intascato il dieci per cento, ben lieti di chiudere gli occhi. L’unica ragione per cui fanno tante storie adesso è che evidentemente vogliono guadagnarci di più”. […]
“Mr Burnham! Sta forse dicendo che l’impero britannico intende fare una guerra per introdurre l’oppio in Cina con la forza?”
La replica di Burnham non si fece attendere. Posando rumorosamente il bicchiere sul tavolo, disse:” Evidentemente sono stato frainteso, Raja Neel Rattan. La guerra quando verrà, non sarà per l’oppio. Sarà per un principio, per la libertà…libertà di commercio e libertà del popolo cinese. Il Libero Commercio è un diritto conferito all’Uomo da Dio, e i suoi principi valgono sia per l’oppio sia per qualunque altra merce . Tanto più che mancando l’oppio a milioni di nativi sarebbero negati i duraturi vantaggi dell’influenza inglese”.
A questo punto Zachary intervenne: “Sarebbe a dire, Mr Burnham?”
“Sarebbe a dire, Reid” rispose Burnham pazientemente, “ che la dominazione inglese in India non potrebbe sostenersi senza l’oppio, tutto qui, e non fingiamo che le cose stiano altrimenti. Lei senz’altro sa che ci sono anni in cui i profitti che la Compagnia ricava dall’oppio sono pressoché pari alle entrate complessive del suo paese, gli Stati Uniti. Crede forse che in mancanza di tale fonte di ricchezza sarebbe possibile il dominio britannico in questa terra impoverita? E se riflettiamo sui benefici che il governo britannico ha garantito all’India, non ne consegue che l’oppio è la più grande fortuna di questo paese? Non ne consegue che è nostro dovere, da Dio stesso assegnatoci, garantire ad altri analoghi benefici?” […]
“Non la turba, Mr Burnham, appellarsi a Dio in favore dell’oppio?”
“Neanche un po’” ribatté Burnham, stropicciandosi la barba. “Un mio concittadino l’ha messa in modo molto semplice: “Gesù Cristo è il Libero Commercio e il Libero Commercio è Gesù Cristo”. Se Dio vuole che l’oppio venga usato come strumento per aprire la Cina ai suoi insegnamenti, sia fatta la sua volontà. Quanto a me , confesso che non vedo perché un gentiluomo inglese dovrebbe farsi complice del tiranno manciù privando il popolo cinese di tale miracolosa sostanza”.
“Intende dire l’oppio?”
“Proprio così” disse Burnham sarcastico. “Lasci che le chieda una cosa, signore: le piacerebbe tornare ai tempi in cui agli uomini si strappavano i denti e si ricucivano le membra senza un calmante per alleviare il dolore?”
“E perché mai?” disse Reid rabbrividendo. “Certo che no”.
“L’immaginavo” disse Burnham “In tal caso dovrebbe aver chiaro in mente che la medicina o la chirurgia moderna sarebbero assolutamente impraticabili senza prodotti chimici come morfina, codeina e narcotina, che sono peraltro alcuni dei miracolosi derivati dell’oppio. Senza lo sciroppo per le coliche i nostri bambini non dormirebbero. E come farebbero le nostre signore, compresa la nostra amata regina, senza il laudano? Si potrebbe addirittura sostenere che dobbiamo all’oppio quest’epoca di progresso e operosità: senza oppio le strade di Londra sarebbero invase da moltitudini tossicolose, insonni e incontinenti. E considerando tutto ciò, non è giustificato chiedersi se il tiranno manciù abbia il diritto di privare i suoi sudditi inermi dei vantaggi del progresso? Crede forse che a Dio piaccia vederci cospirare con quel tiranno che priva tanta gente di questo dono meraviglioso?”
“Tuttavia, Mr Burnham” insistette Neel, “mi risulta che in Cina il vizio sia molto diffuso, che ci sia molta dipendenza. Non mi dirà che simili afflizioni sono gradite a Dio”.
Burnham fu punto sul vivo. “I malanni di cui lei parla, signore, confermano semplicemente la natura peccaminosa dell’Uomo. Se mai dovesse capitarle di camminare tra le catapecchie di Londra, Raja Neel Rattan, vedrebbe con i suoi occhi che nelle mescite di gin della capitale dell’Impero c’è tanto vizio e dipendenza quanto nelle topaie di Canton. Dovremmo dunque radere al suolo tutte le taverne della città? Bandire il vino dalle nostre tavole e il whisky dai nostri salotti? Privare i nostri marinai e soldati della loro dose giornaliera di grog? E una volta sancite tali misure, crede che il vizio sarebbe cancellato e che la dipendenza cesserebbe? E che ogni membro del Parlamento dovrebbe sentirsi responsabile di eventuali fallimenti? La risposta è no . No. Perché l’antidoto al vizio non sta nei divieti sanciti da parlamenti e imperatori, bensì nella coscienza del singolo, nella consapevolezza individuale delle proprie responsabilità e nel timore di Dio. E’ questa, mi creda, la più preziosa lezione che possiamo offrire alla Cina come nazione cristiana, e non dubito che tale messaggio sarebbe ben accolto dal popolo di quello sfortunato paese, se il despota crudele che li tiene in pugno non impedisse loro di ascoltarlo. Solo alla tirannia va il biasimo per la degenerazione della Cina, signore. I mercanti come me non sono che fedeli servitori del Libero Commercio, che è immutabile, come lo sono i comandamenti di Dio”. Burnham fece una pausa per ingoiare una frittella intera. “E mi permetta di aggiungere che non si confà al raja di Raskhali moraleggiare sulla questione dell’oppio”.
“E perché no?” disse Neel, preparandosi a rintuzzare l’affronto che certo ne sarebbe seguito. “La prego di spiegarsi, Mr Burnham”.
“Perché no?” Burnham sollevò il sopracciglio. “ Be’, per l’ottima ragione che ogni cosa che lei possiede è pagata dall’oppio… questo battello, le sue case, questo cibo. Crede forse che con le rendite delle sue tenute e dei suoi contadini semiaffamati potrebbe permettersi cose simili? Nossignore, tutto questo lei lo deve all’oppio”.
“Ma non farei una guerra per questo, signore” disse Neel, con tono tagliente quanto quello di Burnham. “ E non credo che la farà neppure l’Impero. Non penserà che io non conosca il ruolo del Parlamento nel vostro paese”.
“Il Parlamento?” Burnham scoppiò a ridere. “Il Parlamento saprà della guerra solo a guerra finita. Stia pur certo, signore, che se simili questioni fossero lasciate al Parlamento, non ci sarebbe nessun Impero”.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (12)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (2)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


23/03/2019 @ 08:12:31
script eseguito in 54 ms