"
"Ridurre l'anarchismo alla nozione di "autogoverno", significa depotenziarlo come critica sociale e come alternativa sociale, che consistono nella demistificazione della funzione di governo, individuata come fattore di disordine."

Comidad
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 28/06/2008 @ 17:52:16, in Documenti, linkato 1227 volte)
BLACKWATER: the KILLERS’ COMPANY

Che l’esercito di occupazione USA in Iraq sia in difficoltà è cosa evidente; che non abbia il controllo del territorio è altrettanto chiaro. Eppure l’eventualità di un ritiro continua ad essere rinviata, nonostante continui annunci di riduzione delle truppe.
Il 31 marzo 2004, quattro contractor civili furono uccisi dalla popolazione di Falluja; la risposta dell’aviazione e dell’esercito di Bush fu di una violenza inaudita: la città fu messa a ferro e fuoco e in buona parte rasa al suolo; il numero dei morti fu elevatissimo, forse decine di migliaia, oltre ai superstiti messi in fuga. Il fatto è che le compagnie di mercenari svolgono un ruolo decisivo in questa guerra e l’amministrazione Bush non può permettersi di far trasparire la loro vulnerabilità.
Bush era andato al potere proprio con un massiccio programma di privatizzazione: nelle scuole, nelle prigioni, negli istituti di cura. La stessa guerra in Iraq è stata organizzata all’insegna della cosiddetta privatizzazione, ovvero fornire armamenti scadenti a truppe poco organizzate, per l’esercito regolare, e poi pagare – a spese del contribuente americano - squadre di assassini perfettamente equipaggiate per mantenere il controllo se pur limitato del territorio.
In realtà l’esercito di killer organizzati in unità militari private è il più vasto finora mai messo in piedi. Il governo USA parla di 48.000 dipendenti di compagnie mercenarie in Iraq, ma calcoli molto più attendibili fanno salire a 129.000 il loro numero; si tratta di una cifra stratosferica, quasi la metà degli effettivi regolari in Iraq. Mantenere questi corpi di killer offre numerosi vantaggi:
• I mercenari consentono di gonfiare le forze di occupazione, in pratica le unità impiegate sul campo vengono raddoppiate; così le truppe regolari vengono ridotte (di poco) e, aumentando quelle private, si estende l’occupazione;
• La guerra è di fatto affidata a forze sulle quali non vige alcun sistema di responsabilità; i suoi membri godono infatti della totale immunità;
• L’opinione pubblica non viene disturbata dalle morti nascoste dei contractor;
• I soldati regolari sono pagati molto meno, sono molto meno compiacenti e manifestano qualche critica sulla conduzione delle operazioni, i contractor no; e sono disponibili a fare i lavori più sporchi;
• Non serve alcun consenso del Congresso per l’ingaggio dei killer privati;
• Si dispone di un’armata di dimensioni notevoli, quasi 130.000 uomini che non devono essere persuasi a entrare nell’esercito e i cui caduti, come abbiamo detto, non rientreranno mai negli elenchi ufficiali delle vittime;
• La disorganizzazione e l’inefficienza dell’esercito regolare non ricade sui diplomatici o sugli uomini politici in visita di propaganda in Iraq, da Paul Bremer a John Negroponte a Condoleeza Rice, protetti regolarmente dai contractor. Nella Green Zone sono in azione più di una trentina di queste società.
Ovviamente tutto questo ha un prezzo piuttosto elevato, ma l’amministrazione Bush è ben lieta di far pagare tutto ai contribuenti americani, come in ogni privatizzazione che si rispetti.
In realtà, già nel settembre del 2001 Donald Rumsfeld spiegava al Pentagono che siccome i governi non possono cessare di esistere (sic) è necessario trovare altri incentivi che consentano alla burocrazia, anche a quella militare, di adattarsi e progredire. Sburocratizzare, nel linguaggio del dominio statunitense significa affidare ai privati, ovvero all’affarismo delinquenziale, scuole, prigioni, esercito ecc. Lo stesso Dick Cheney, altro noto criminale dell’amministrazione Bush, aveva commissionato alla Halliburton uno studio per capire come privatizzare la burocrazia militare spianando il terreno all’incredibile prosperità dei profitti di guerra attuali.
Nel 2007, Bush chiede al Congresso l’autorizzazione all’aumento degli effettivi dell’esercito e della marina di almeno 92.000 uomini. “Un altro compito che dobbiamo darci è istituire dei corpi di civili volontari che possano funzionare come la nostra riserva. Questo potrebbe permetterci di alleggerire le Forze Armate assumendo civili con particolari capacità che possano servire nelle missioni all’estero quando l’America ne ha bisogno.” Ovviamente il cittadino statunitense veniva ancora una volta preso per i fondelli, visto che la privatizzazione era già avvenuta, i soldi – un mare di soldi – già dati e i desperados delle compagnie private già da tempo in azione.
Blackwater è il nome della più grande e famigerata compagnia di killer del mondo, è attualmente impegnata a fondo in Iraq ed è un caso esemplare del funzionamento di queste società.
La Blackwater fu fondata da Erik Prince, che proveniva da una famiglia di cristiani evangelici ultraconservatori del Michigan, sostenitori del libero mercato e di una visione religiosa fondamentalista e suprematista; si era arruolato nelle US Navy Seals, considerate una delle più esclusive tra le forze militari degli USA.
Durante gli anni di Clinton, Erik Prince approfittò della privatizzazione dei servizi militari infilandosi nell’outsourcing; La Blackwater fondata nel 1996 come struttura d’addestramento militare nel North Carolina e con un consiglio d’amministrazione di ex Navy Seals, in dieci anni è diventata la compagnia di “mercenari” più grande del mondo, incarnando quella che Bush ha definito la “necessaria rivoluzione degli affari militari” ovvero l’esternalizzazione della maggior parte dei compiti delle forze armate.
Ma la definizione di “mercenari” non rende giustizia a queste bande di killer ed al loro comportamento gangsteristico. Il loro compito è terrorizzare soprattutto la popolazione civile irachena, non a caso molti di loro sono dislocati nella Green Zone, e proteggere i pezzi grossi dell’amministrazione. Incalcolabile il numero di civili uccisi da questi assassini; ma solo pochi dei massacri da loro compiuti hanno avuto gli onori della cronaca, come quello di Mansour del settembre 2007. I capibanda della Blackwater sono molto chiari nelle “regole d’ingaggio”: sparare prima, magari uccidere, poi fare domande. I dati ufficiali parlano di più di 200 conflitti a fuoco in cui la BW è stata coinvolta e nel 90% dei casi ha sparato per prima, o più probabilmente ha sparato da sola. I killer della BW non possono essere giudicati da tribunali militari – ammesso che ne avessero davvero l’intenzione – e l’amministrazione Bush concede loro un territorio franco in cui non esistono responsabilità né sorveglianza né alcunché che regolamenti la loro presenza. In pratica non vi è mai stato un solo caso di accusa formale per i crimini e i reati commessi sul posto, perché la compagnia funziona come una “revolving door”, una porta girevole che consente di entrare e uscire a piacimento, così ai killer più esposti viene garantito un temporaneo rimpatrio per evitare grane. L’attività di terrorismo rende piuttosto bene a questi ultraconservatori evangelici se è vero che i delinquenti spediti in Iraq dalla BW guadagnano fino a sette volte di più di un soldato regolare e sono equipaggiati molto meglio. In realtà la BW arruola i suoi killer in molti paesi: i principali fornitori di truppe mercenarie sono oltre gli USA, il Cile, la Colombia, la Bulgaria e l’Honduras; tra questi mercenari vi sono molti ex-militari e paramilitari, torturatori e semplici assassini.
Secondo dati ufficiali, BW finanzia in modo massiccio le campagne elettorali di Bush e dei repubblicani; ma vista l’entità delle commesse governative sembra evidente che questa ed altre compagnie private sono saldamente sotto il controllo dei capicosca Bush, Cheney e Rumsfeld; dal giugno 2004 ad oggi hanno infatti intascato l’apprezzabile somma di oltre un miliardo di dollari – solo negli ultimi due anni 832 milioni di dollari – di denaro pubblico. I contribuenti americani che prima erano spremuti dal complesso militar-industriale adesso si ritrovano con quello mercenario-evangelico delle compagnie private.
Questa enorme quantità di denaro ha permesso alla BW di diventare una società vasta e complessa con nove sub-società, e la cui totalità degli introiti deriva da contratti con il governo USA, con commesse assegnate direttamente senza gara pubblica. Oggi la BW possiede la base militare privata più grande del mondo con più di 30 aerei, svariati piccoli elicotteri e piccoli blindati. Attualmente il controllo criminale della BW è sempre più invasivo sullo stesso territorio USA: controllo delle frontiere, sicurezza privata, sorveglianza costiera. La BW sta ad esempio approntando un campo di addestramento “segreto” al confine con il Messico dove c’è già il muro di Bush. D’altro canto, se in Iraq le viene garantita la possibilità di radere al suolo una città, tramite una sua affiliata - la Raven Developpement Group – la BW può fare affari anche sulla ricostruzione.
Sul sito vagamente minaccioso e un po’ lugubre della BW ci sono tanti bambini sorridenti accanto a soldati armati fino ai denti. La BW si dichiara specializzata in: applicazione della legge, sicurezza, pacificazione, addestramento, stabilizzazione democratica, fornitura d’armi e soldati, supporto aereo e molto altro. Niente supporto militare ai regimi islamici e contrari alle democrazie occidentali. C’è persino un negozio virtuale in cui acquistare i gadget della compagnia.
Con oltre 20.000 uomini, la compagnia BW è oggi presente in nove paesi e, come abbiamo visto, si sta minacciosamente estendendo negli USA; la troviamo in Afghanistan dove addestra le truppe governative, sul Caspio, dove ha una base per forze speciali a pochi chilometri dal confine iraniano, e conduce direttamente trattative col governo del Sud Sudan per addestrare reggimenti cristiani contro il governo centrale (musulmano).

Dal compagno Marco riceviamo una “curiosità” a proposito della Blackwater:
I parà della Blackwater con la bandiera italiana

Ieri vi abbiamo segnalato un articolo sui movimenti contro le basi negli Stati Uniti che raccontava anche delle campagne della società di mercenari Blackwater per conquistare "i cuori e le menti della gente", inclusi spettacoli di paracadutisti che scendono con gigantesche bandiere a stelle e strisce. (http://www.peaceandjustice.it/basi-usa.php)
Oggi abbiamo saputo che proprio il 10 maggio 2008 vicino a Washington DC i paracadutisti della Blackwater hanno fatto lo stesso spettacolo durante il campionato di polo in cui l´Italia giocava contro gli Stati Uniti. Ma questa volta i parà della Blackwater sono scesi anche con una enorme bandiera italiana! Video (a fondo pagina): http://www.americaspolocup.com/theevent.php
Chi si sente indignato nel vedere la propria bandiera sventolata dai mercenari della Blackwater, può contattare due degli sponsor dell´evento: Birra Moretti info@birramoretti.it
National Italian American Foundation information@niaf.org
 
Di comidad (del 26/05/2008 @ 06:57:22, in Documenti, linkato 1099 volte)
Speciale “Nigger” (1) : antologia del pensiero razzistico, discriminatorio e gerarchico.

NEGRO
“È un animale che mangia il più possibile e lavora il meno possibile”,
Benjamin FRANKLIN, citato in Gobineau, “Saggio sulla disuguaglianza delle razze umane”, 1853-55.

“Il negro del Texas ha tutti gli istinti selvaggi del Cheroki senza possedere una sola delle sue virtù. Non rotto ancora al giogo della civiltà, comprende a stento il significato del codice morale, contratto sociale o legge della famiglia. Per lui l’industria domestica è una finzione, la famiglia un’iperbole. Moralmente si eleva appena al livello del Kiciapu, che lo supera di molto in intelligenza… Gli annali del crimine sono spaventosi in Texas; ma la parte più vasta e più cupa di questi appartiene ai Neri. L’intelligenza dell’Africano è fra le più ristrette. Mi è stato confermato che attualmente l’infanticidio è altrettanto comune nelle paludi negre che in una strada cinese o in una steppa tartara. Ecco la vera questione negra. Quelli che, penetrati da un pietoso zelo, hanno dato la libertà ai negri, non ne hanno forse, nella loro ignoranza delle leggi della natura, decretato il lento ma inesorabile sterminio? La natura ha dato al Bianco più intelligenza e forza, più genio inventivo, coraggio e perseveranza che al negro. […]
Hepwort DIXON, La Conquista bianca”, 1877.

“Per ora, è un bruto, non cattivo, è vero, ma fradicio di vizi. Quando lavora una settimana, si riposa la settimana successiva; mente per il piacere di mentire; ignora le leggi della dignità umana. Non si sposa, o quasi, e cambia donna come un animale. […]
Jules HURET, De New York à la Nouvelle Orléans, riportando le dichiarazioni del governatore della Lousiana, 1904.

ANCHE GLI OPERAI SONO NEGRI
“Vivere alla giornata, spendere tutto ciò che si guadagna, spesso anche con anticipi, tale è lo stile di vita più diffuso tra la popolazione operaia di Parigi. Quelli che, tra gli operai, hanno salari sufficientemente elevati perché in tre giorni di lavoro possano procurarsi di che vivere per tutta la settimana, passano di solito gli altri quattro giorni nell’ozio e nella dissipazione.
C.M.T. DUCHATEL, Della Carità, 1926.

“E concludo contro quel sofista di Proudhon che gli operai non hanno alcun bisogno di un tribuno per sostenere i loro interessi, perché non sono mai stati oppressi in Francia.”
A. FRANCON, Cause della grandezza e della decadenza dei Romani, 1867.

“È stato stabilito da lungo tempo, attraverso calcoli non contestabili, che i minatori di Anzin sarebbero i principali azionisti e padroni della miniera, che gli operai metallurgici del Creusot sarebbero i principali azionisti e padroni dello stabilimento, se solo avessero risparmiato per comprare dei titoli quello che hanno sperperato per intossicarsi.
Urbain GOHIER, Pour être sages, 1914.

SIAMO TUTTI NEGRI TRANNE…
Uno dei Padri Fondatori degli Stati Uniti, Benjamin Franklin, per sostenere che gli anglosassoni fossero “il nucleo principale del popolo puramente bianco” (“purely white people”), affermava che “Spagnoli, italiani, francesi, russi e svedesi generalmente tendono ad essere di colore vagamente scuro.”
Benjamin Franklin, Writings, Library of America, New York 1987, p.374.

MA SI RISCHIA DI ESSERE EBREI
“I fondatori della nazione inglese, anch’essi, discendevano dalle tribù perdute d’Israele, dato che Saxon è con ogni evidenza una corruzione di Isaac’s son, figlio d’Isacco.”
Citato in Pall Mall Gazette, 3 aprile 1984. “È l’ebreo che trasuda attraversi i pori dell’Inglese.” Louis MARTIN, L’Anglais est-il un Juif? 1896.

“L’Ebreo non crea, non produce, sfrutta. È il grande negoziante, il grande intermediario universale, come un tempo i Fenici che erano giudei, e gli Inglesi, moderni Fenici, che discendono forse dagli Ebrei”
Docteur CELTICUS , Le Diciannove Tare corporali per riconoscere un Ebreo, Librairie antisemite, 1903.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (40)
Commenti Flash (61)
Documenti (45)
Falso Movimento (7)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (14)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


25/09/2020 @ 13:14:37
script eseguito in 62 ms