"
"Gli errori dei poveri sono sempre crimini, mentre i crimini dei ricchi sono al massimo 'contraddizioni'."

Comidad (2010)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 26/05/2008 @ 06:46:40, in Commenti Flash, linkato 870 volte)
Il presidente della Repubblica francese Sarkozy ha affermato di recente che tutti i mali provengono dal '68. Ne consegue logicamente che anche Sarkozy proverrebbe dal '68.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 22/05/2008 @ 09:01:18, in Commentario 2008, linkato 1219 volte)
Fra i commentatori ufficiali si è diffusa una sorta di nostalgia per la cosiddetta “sinistra radicale”, con una serie di interrogativi annessi, tra i quali il chiedersi se sia stato saggio liquidare delle formazioni politiche che erano utili a fare da sponda propagandistica e da capro espiatorio per le colpe e i ritardi più svariati.
La questione è mal posta, dato che il colonialismo non esprime un pensiero politico, ma solo slogan; e non agisce in base a considerazioni strategiche, ma si muove seguendo schemi elementari - per quanto subdoli -, secondo i quali si è fatti fuori non quando si costituisce un pericolo, bensì non appena si cessa di esserlo. Questa è la storia di un Saddam Hussein, che accetta di smantellare i suoi missili a testata chimica e quindi subisce l’invasione. Ma, in Italia, è anche la storia di un Moro, ucciso dopo aver rinunciato a denunciare la subdola ingerenza statunitense nella vicenda dello scandalo Lockheed; o di un Craxi, caduto dopo essere divenuto osservante filo-americano, da filo-arabo che era.
Il segnale politico della liquidazione della cosiddetta “sinistra radicale”, è stata la sua supina accettazione della nomina dell’ex capo della polizia De Gennaro a commissario straordinario per l’emergenza rifiuti a Napoli. Il segretario dei Comunisti Italiani, Diliberto, manifestò in quella occasione la sua cattiva coscienza in modo freudiano: si mise a fare battute razzistiche sul sangue di San Gennaro, mentre era evidente che la sua vera preoccupazione era per quello che avrebbe combinato De Gennaro.
L’incarico ad un provocatore di professione come De Gennaro, ha immediatamente sortito i suoi prevedibili effetti, per cui Napoli, oltre all’emergenza rifiuti, ora deve subire anche un’emergenza di ordine pubblico. L’informazione ufficiale si è incaricata di narrarci le mirabolanti imprese di presunti “abitanti delle periferie napoletane”, trasformatisi di colpo in provetti guerriglieri che assaltano i campi Rom con tattiche militari da accademia. Anzi, alcuni giornali locali avevano persino anticipato gli eventi di alcuni giorni, spiegandoci nei dettagli i preparativi delle varie guerriglie e insurrezioni di Chiaiano e di Ponticelli.
Dall’uomo che aveva prima organizzato i falsi scontri al G-8 di Genova, per poi trarne il pretesto dei famigerati massacri, non ci si poteva aspettare di meno, ed a questo punto il vero problema è solo di capire cosa stiano coprendo queste false emergenze. È ovvio che la presenza a Napoli del molo in cui stazionano i sommergibili nucleari statunitensi pone l’esigenza di avere a disposizione dei siti in cui smaltire le scorie e, di conseguenza, richiede un territorio sotto il pieno controllo coloniale.
Inoltre la fedeltà a tutta prova da parte di De Gennaro al padrone statunitense, è nota da sempre, tanto che l’ex-presidente della Repubblica Cossiga, durante un’interpellanza parlamentare del novembre 2006 (di cui c’è anche un video su YouTube), lo definì, oltre che come “losco e sporco figuro”, anche: “manutengolo della FBI americana”.
In quella circostanza Cossiga stava difendendo i suoi amici del SISMI dagli sviluppi giudiziari del caso del sequestro dell’imam Abu Omar, che si erano trasformati in un bis dello scandalo Lockheed. La CIA, dopo aver costretto il SISMI a collaborare al sequestro, aveva provocato una fuga di notizie per farlo mettere sotto inchiesta dalla magistratura italiana. A gestire le intercettazioni giudiziarie c’era, ovviamente, l’uomo di fiducia degli USA, cioè il solito De Gennaro. In questo modo la CIA, dopo aver fatto il proprio comodo sul territorio ex-italiano, avrebbe ottenuto anche di far smantellare il braccio segreto di tutte le operazioni affaristiche dell’ENI, cioè appunto il SISMI. In quella circostanza Cossiga non ha commesso l’errore di Moro, e ha fatto capire che per salvare se stesso e gli affari dei suoi amici del SISMI e dell’ENI, era pronto anche a sputtanare gli Stati Uniti.
È interessante anche il motivo - o il pretesto - di quella famosa interpellanza di Cossiga, ottenere cioè dall’allora ministro degli Interni Amato la lista dei giornalisti stipendiati dal vertice della Polizia. Chissà quanti nomi di eroici cronisti delle finte emergenze, delle finte guerriglie e delle finte faide camorristiche che avvengono a Napoli, si trovano in quella lista.
Ancora non si sa se De Gennaro abbia concluso o meno la sua missione a Napoli, ma comunque è certo che i suoi padroni non rinunceranno ai servigi del suo talento di provocatore e del suo staff di guerriglieri e giornalisti.
22 maggio 2008
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (49)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


11/12/2018 @ 12:32:26
script eseguito in 75 ms