"
"Il Congresso nega nel principio il diritto legislativo" "In nessun caso la maggioranza di qualsiasi Congresso potrà imporre le sue decisioni alla minoranza"

Congresso Antiautoritario Internazionale di Saint Imier, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2017 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 23/03/2017 @ 01:29:23, in Commentario 2017, linkato 1838 volte)
I brevetti prodotti dalle Università italiane finiscono all’estero. Si lancia l’allarme e si annuncia trionfalmente la “soluzione”: l’Università “La Sapienza” di Roma e l’Università di Catania stringono accordi con una multinazionale farmaceutica straniera (sic!), la statunitense Eli Lilly, per “valorizzare” i propri brevetti.
Il paradosso si spiega facilmente: l’Università italiana è sottoposta ad una sistematica denigrazione da parte dei media che contano, come, ad esempio, il quotidiano “La Repubblica”, che non si limita a denigrazioni generiche ma ricorre anche a veri e propri falsi. In questo contesto le Università italiane, per “valorizzarsi”, sono costrette a dimostrare di riscuotere la fiducia delle multinazionali, perciò svendono il loro lavoro ed i loro know-how in cambio di briciole o, addirittura, gratis.
Una campagna di disinformazione fa calare il valore di un bene pubblico, come un centro di ricerca universitario, cosicché i potentati economici possano acquisire ciò che gli interessa a prezzi stracciati. La razzia dei brevetti da parte delle multinazionali è uno degli aspetti più attuali del fenomeno, che ha un nome preciso: aggiotaggio. Sarebbe un reato, però costituisce la prassi abituale del rapporto delle multinazionali con i territori: svalutare ciò che i territori posseggono o producono per facilitarne l’acquisizione. Si induce artificiosamente nelle vittime il bisogno di svendersi. Ciò può accadere perché il reato di aggiotaggio viene delimitato all’ambito borsistico, mentre il suo vero, e principale, campo di applicazione è quello dei beni pubblici e del lavoro.
Qualche settimana fa ha fatto scalpore la “proposta” di Bill Gates di tassare i robot per acquisire risorse da destinare ai disoccupati che l’automazione produce. Lanciata l’esca, tutti hanno abboccato ed è nato un bel “dibattito”, un’altra occasione per tirare fuori a sproposito il Luddismo e rilanciare controproposte altrettanto demenziali.
Si perde di vista il vero scopo di queste “proposte”, che è quello di disinformare, suggerire il mito di un ineluttabile tramonto del lavoro umano, cosa che costituisce un ottimo pretesto per pagare ancora di meno gli attuali lavoratori. La robotizzazione infatti non è un fenomeno spontaneo o dettato da presunte leggi del “mercato”, bensì è un fenomeno incentivato dai governi a spese dei contribuenti. Il piano del ministro dello Sviluppo Economico, Calenda, prevede infatti agevolazioni fiscali per favorire l’automazione delle imprese. Altro che tasse, semmai la robotizzazione si avvantaggia di sgravi fiscali, riconfermati e allargati dall’ultima Legge di Stabilità.

E non ci sono solo le agevolazioni fiscali, ci sono anche i finanziamenti a fondo perduto da parte dello Stato e della UE. Nascono anche apposite agenzie di consulenza che operano per guidare le aziende nel mare magnum dell’assistenzialismo delle pubbliche istituzioni verso le imprese private. Alla gara di generosità del pubblico nei confronti del privato partecipano entusiasticamente anche Regioni e Comuni.
La robotizzazione, per quanto incentivata, non è in grado di abolire completamente il lavoro umano, però l’importante per i lobbisti come Bill Gates è farlo credere, così è necessario che sin da studenti avere un lavoro venga percepito come un’elemosina da scontare con sfruttamento intensivo.
Ma c’è di più: la precarizzazione non vuol dire solo meno salario e più sfruttamento, in quanto il “temporary work” costituisce esso stesso un business gestito dalle agenzie di lavoro interinale. Quanto sia rilevante il business è dimostrato dal fatto che è egemonizzato in gran parte da multinazionali, come la statunitense Kelly Services.
 
Di comidad (del 16/03/2017 @ 01:19:04, in Commentario 2017, linkato 1796 volte)
Sabato scorso i media italiani sono riusciti a ritagliare attorno a Matteo Salvini un copione analogo a quello già messo in scena negli USA con CialTrump. Anzi, la replica è stata talmente puntuale da risultare palesemente falsa. Il ministro degli Interni Minniti all’inizio di marzo aveva fatto sapere che si sarebbe personalmente “occupato” delle questioni di ordine pubblico relative alla visita del segretario della Lega Nord a Napoli. La promessa di Minniti sembrava preannunciare l’arrivo di sfracelli.
Il ministro non deve invece aver lavorato molto bene, dato che i disordini anti-Salvini sono stati davvero poca cosa: ristretti ad un tratto stradale molto limitato e con la rottura di qualche finestrino di automobile. Su RaiNews24 cronisti con la voce rotta ed ansimante si sono dovuti sforzare di conferire ad immagini poco significative una drammaticità che esse non possedevano in proprio. Si tratta quindi di eventi di scarso rilievo se li si confronta con le manifestazioni e gli scontri verificatisi a più riprese nello scorso anno per le visite a Napoli di Matteo Renzi. L’ex Presidente del Consiglio nello scorso anno era venuto a Napoli quattro volte: ad aprile per la questione Bagnoli, a giugno per la campagna elettorale delle Amministrative, a settembre per una rappresentazione al teatro San Carlo ed a novembre per la campagna referendaria. Soltanto a giugno la visita di Renzi non era stata occasione per manifestazioni e scontri, forse perché l’annuncio era stato dato troppo tardi. Nel caso dei dissensi anti-Renzi i media avevano minimizzato gli avvenimenti, mentre, nel caso di Salvini, gli si è ritagliato un ruolo di vittima con un’enfasi chiaramente pretestuosa.
Il feeling che da tempo Salvini ha stabilito con i media costituisce un dato che riconferma le ambiguità del personaggio. Non si comprende poi quale possa essere il ritorno elettorale di queste sortite in terra napoletana, dati i noti precedenti di Salvini in fatto di razzismo antimeridionale. In base a semplici valutazioni di buonsenso la Lega Nord avrebbe avuto molto più vantaggio a stabilire al Sud alleanze elettorali con movimenti anti-euro non compromessi con la propaganda razzistica. Si vede che Salvini deve anche lui obbedire agli ordini di qualcuno e, sebbene oggi il complottismo non sia “cool”, i sospetti sono legittimi.

Ma, anche senza scomodare i sospetti, c’è da rilevare che un movimento di ideologia liberista come la Lega si trova in contraddizione a dover fare dell’uscita dall’euro la propria bandiera. L’euro è uno strumento monetario nato per facilitare la mobilità del capitale e per comprimere i salari, cioè uno strumento del “liberismo”, pseudonimo dell’assistenzialismo per ricchi. L’arma sociale contro la mobilità del capitale (ovvero l’imperialismo finanziario e commerciale) è costituita proprio dalle rivendicazioni salariali, che evitano quella deflazione tanto amata dalle multinazionali finanziarie, interessate a mantenere inalterato il valore dei propri crediti. Il “sovranismo” costituisce invece un richiamo astratto che consente di aggirare, o di marginalizzare, quella che è invece la questione centrale, cioè la remunerazione del lavoro.
Certo, personaggi come Salvini sono oggettivamente favoriti dal fatto che dagli anni ‘80 tutta la sinistra, compresa quella “estrema”, ha messo da parte la questione della rivendicazione salariale considerandola un atto di egoismo sociale, privo di pregnanza etica e valoriale, tale da favorire alcune categorie a scapito di altre. La “pregnanza valoriale” è stata invece attribuita agli “investimenti”, che dovevano essere “produttivi e finalizzati all’occupazione”, ma che, di fatto, attribuivano al capitale il ruolo “creativo”. Quanto poi sia “creativo” il capitale lo si è visto con l’esplosione dei business della povertà, come il finanziamento ai consumi; oppure come il caporalato istituzionalizzato delle agenzie di “somministrazione” del lavoro, un settore sempre più egemonizzato da società multinazionali come, ad esempio, la Manpower.

Il capitalismo in sé costituisce solo un principio giuridico, per il quale il potere aziendale si ripartisce in base alle quote di capitale. Questo principio non ci dice nulla su come il capitalismo effettivamente funzioni. Alla base del funzionamento del sistema capitalistico c’è invece l’aggiotaggio sociale, cioè la svalutazione fraudolenta del bene-lavoro, presentato di volta in volta come problema o parassitismo, per cui ogni lavoratore viene preventivamente criminalizzato come un potenziale “furbetto”. La stessa alternanza Scuola-Lavoro imposta al sistema dell’istruzione pubblica, si configura come uno strumento di aggiotaggio sociale, poiché il messaggio che viene fatto passare è che il lavoro non valga nulla se non incanalato nella forca caudina della “formazione” nell’impresa, perciò si deve lavorare gratis e persino ringraziare.
Che gli aumenti salariali siano molto più creativi del capitale, perché alimentano la domanda e quindi nuova occupazione, è un’idea che a sinistra è scomparsa. Colonizzata dal moralismo del capitale, la sinistra ha trovato nel moralismo stesso un comodo alibi ideologico per dare sempre ragione al più forte, dato che, in definitiva, nessuno è del tutto irreprensibile. C’è quindi poco da lamentarsi se al centro della scena oggi ci sono dei fascistoidi razzisti che si spacciano per nemici della finanza sovranazionale.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (37)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


18/09/2019 @ 15:32:03
script eseguito in 96 ms