"
"Per la propaganda del Dominio, nulla può giustificare il terrorismo; in compenso la lotta al terrorismo può giustificare tutto."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2022 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 12/05/2022 @ 00:12:19, in Commentario 2022, linkato 6542 volte)
Gli aedi dell’establishment in questa vicenda ucraina vivono una condizione di frustrazione poiché sanno di non avere più dietro di sé la ”solida e compatta maggioranza” di ibseniana memoria, come ai bei tempi del Covid. In realtà è una semplice questione di rapporti di forza: una cosa è chiamare le masse ad una ludica guerra civile per vessare l’inerme minoranza dei no-vax, altra cosa è il confronto con una potenza nucleare come la Russia. Appare normale che stavolta la maggioranza degli Italiani non voglia starci, anche perché troppe imprese dipendono dal gas russo e dal mercato russo.
La reazione di una parte dell’establishment a questa condizione di isolamento dalla gran parte della pubblica opinione si configura nel neo-maccartismo. Rinato negli USA direttamente ad opera del presidente Biden, il maccartismo è stato immediatamente adottato anche in Italia dall’organo di vigilanza sui servizi segreti, il Copasir, che attribuisce la scarsa popolarità del bellicismo alle spie ed alle fake news della Russia. Anche il maccartismo storico fu originato nella prima metà degli anni ’50 dal rifiuto di gran parte dell’establishment americano di fare i conti con i rapporti di forza. La frustrazione dovuta allo shock dell’atomica sovietica ed alla batosta rimediata in Corea contro i “volontari” cinesi, venne sfogata dando vita ad una commissione per indagare sulle “attività antiamericane”; una commissione che si accanì contro Hollywood, cioè proprio contro la fabbrica della propaganda americana più efficace ed insinuante, tanto da aver convinto tutti che gli USA avessero vinto la guerra da soli. La psicosi sulle spie comuniste copriva l’incapacità di ammettere che anche imperialismi straccioni come quello russo e quello cinese erano in grado di mordere, e infatti erano stati determinanti nella sconfitta della Germania e del Giappone. Quando la caccia al comunista cominciò a infastidire settori dello stesso establishment, si diede il permesso ad Hollywood di reagire con film di denuncia sul maccartismo, per cui dagli USA poterono nuovamente arrivarci lezioncine sulla libertà.
La questione dei rapporti di forza comunque si fa strada nel dibattito e, non a caso, uno dei politici più zelanti nella caccia ai no-vax, Pierluigi Bersani, ha rivestito i panni dell’agnellino auspicando un “negoziato” con la Russia su una base piuttosto pragmatica. Al di là delle narrative mediatiche sui suoi tracolli militari, la Russia si è già presa quello che voleva, il Donbass ed il Mar d’Azov; ma ora sta occupando anche altri territori, da cui potrebbe ritirarsi in caso di accordo tra le parti in conflitto, ciascuna delle quali potrebbe presentarsi come parzialmente vittoriosa. Anche la narrazione sulle sconfitte subite dall’esercito russo potrebbe risultare una bugia utile a salvare la faccia mentre si fanno concessioni territoriali su Crimea e Donbass. Persino la NATO potrebbe spacciare come un proprio rafforzamento l’ingresso di Finlandia e Svezia (che sono in realtà già partner NATO da un quarto di secolo).

Tutti felici e contenti? Per niente, dato che c’è in ballo la variabile del business di tutte quelle armi che stanno piovendo in Ucraina. Il nucleo solido del regime ucraino è rappresentato dalle milizie naziste che vivono nel culto del loro eroe della seconda guerra mondiale, Stepan Bandera, e che il Dipartimento di Stato USA sta allevando dai tempi della guerra fredda. Il rischio è che i banderisti, forti delle armi e di tutte le loro ramificazioni in Europa, diventino una nuova potenza autonoma al centro dell’Europa stessa. La “denazificazione dell’Ucraina” potrebbe risolversi in nazificazione dell’Europa. Nel 2014 la stampa mainstream di tutto il mondo “occidentale” poteva ancora mostrarsi preoccupata per prospettive del genere, mentre oggi non potrebbe più farlo.

Possibile che gli Stati europei tollerino un pericolo del genere senza reagire, anzi, collaborando alla propria destabilizzazione? Possibilissimo, se si considera che si tratta di Stati che non corrispondono al mito che si ha comunemente sullo Stato, dato che sono intrecci di lobby. Il caso italiano è eclatante. A volte per sparare balle, si finisce involontariamente per dire una verità. Piero Fassino ha paragonato le pretese russe sul Donbass ad un’eventuale richiesta di restituzione del Lombardo-Veneto da parte dell’Austria. Fassino ha toccato così il vero fondo oscuro della politica italiana, cioè il separatismo strisciante che si cela dietro le istanze di autonomia differenziata delle Regioni del Nord Italia.
La Lega ed il PD stanno adesso nello stesso governo, ma di solito si spacciano per partiti alternativi, mentre invece sono alleati sul progetto di autonomia differenziata, tanto che il presidente della Regione Emilia-Romagna, il piddino Stefano Bonaccini, rappresenta la figura di traino anche nei confronti dei leghisti Zaia e Fontana nell’incalzare il governo per riscuotere concessioni "autonomiste", cioè di più mani in pasta nella gestione del denaro pubblico. Salvini si mostra preoccupato circa gli effettivi destinatari delle armi che l’Italia sta inviando, ma non si decide a far cadere il governo, poiché è un “leader” di facciata, messo lì a fare da imbonitore, mentre il vero gruppo dirigente della Lega persegue i propri obbiettivi separatistici e affaristici.
L’ombrello europeo per questo separatismo strisciante è la Macroregione Alpina, con un centro austro-bavarese che fa da attrazione verso le Regioni limitrofe. Ad onta di ciò che dice Fassino, non solo l’Austria si sta riprendendo il Lombardo-Veneto, ma ci lucra pure gli interessi, visto che nel pacchetto ora ci sta persino l’Emilia-Romagna, che con le Alpi e con l’Austria non ha mai avuto a che vedere. Ma tra poco il quadro europeo delle autonomie differenziate dovrà probabilmente misurarsi con la nuova realtà di una ISIS banderista.
 
Di comidad (del 05/05/2022 @ 00:22:39, in Commentario 2022, linkato 6256 volte)
Se una guerra nucleare fosse scoppiata cinquanta o sessanta anni fa, essa avrebbe avuto il crisma e la solennità di uno scontro ideologico, mentre nell’attuale contrapposizione nella crisi ucraina non si riscontra niente del genere, semmai una miseria di motivazioni. Ci sono stati goffi tentativi di inquadrare l’attuale situazione di conflitto tra sedicente “Occidente” e Russia nell’ambito di una dicotomia tra globalismo da un lato e società tradizionaliste/identitarie dall’altra. Questa interpretazione si regge esclusivamente sul rovesciamento della propaganda occidentale, in quanto la Russia da trenta anni sta operando un sistematico tentativo di integrazione nell’economia globale e nelle sue istituzioni di riferimento. L’adesione della Russia al Fondo Monetario Internazionale data al 1992 e quindi potrebbe essere liquidata come un tradimento da parte dell’occidentalista Eltsin. L’adesione alla World Trade Organization però è del 2012, perciò sarebbe farina del sacco di Putin; ammesso, e non concesso, che sia lui l’unico decisore.
La realtà è che il collasso dell’Unione Sovietica è stato determinato solo in parte dallo stress della guerra fredda e dalla sconfitta in Afghanistan, dato che forse ancora più determinanti sono state le spinte interne alla classe dirigente sovietica per riconvertire il tradizionale imperialismo politico-militare russo in un imperialismo commerciale-finanziario. La linea Gorbaciov prevedeva una ritirata strategica dell’URSS dall’impero europeo, ma non la liquidazione della stessa URSS e neppure la rinuncia all’azione di contenimento dell’imperialismo americano, come si vide durante l’attacco degli USA e dei suoi sodali contro l’Iraq del 1991, quando tecnici balistici russi diedero una mano determinante al regime di Saddam Hussein per sopravvivere. La fine dell’URSS voluta da Eltsin e da Gazprom, comportò il rischioso ritiro anche dall’Ucraina e dalla Georgia, con la conseguente perdita del controllo del Mar Nero, poiché si trovava più conveniente trasformare gli antichi sudditi in clienti paganti di Gazprom. C’è da ricordare che la Russia non aiutò Saddam nel 2003 e neppure Gheddafi nel 2011. Solo la perdita dell’Ucraina nel 2014 e la prospettiva della trasformazione del Mar Nero in un mare americano, ha comportato la riattivazione da parte russa dell’opera di contenimento dell’imperialismo USA in Siria, in Venezuela, in Libia e nell’Africa sub-sahariana.
I dirigenti ex sovietici avevano una concezione del capitalismo da scuola-quadri, quindi edulcorata con astrazioni mitologiche come il "Mercato", la "logica del profitto”, o il cosiddetto “individualismo borghese”. Si illudevano quindi di essere lasciati in pace a far soldi, senza sapere che nel capitalismo sono i soldi a fare te, a trasformarti in quegli zombi e dispositivi automatici che sono i lobbisti. Il capitalismo si basa sulla combinazione esplosiva di capitali privati di Borsa e di denaro pubblico, cioè il denaro privato segue soprattutto i business senza rischio in cui il cliente è lo Stato, quindi paga sicuramente il contribuente. Nulla perciò è in grado di movimentare i capitali come il business delle armi, dove il governo è il committente. Anche i vaccini hanno sempre attirato tanti capitali per gli stessi motivi: la ricerca su di essi si è sviluppata all’interno di programmi per le bio-armi ed alla fine è sempre il contribuente a pagare il conto.

Se il tentativo russo di trasformarsi in un imperialismo commerciale è riuscito solo in parte, è stato infatti per il boicottaggio americano, in particolare per l’azione delle lobby delle armi che occupano da decenni il Dipartimento di Stato. La linea del Dipartimento di Stato è quella di provocare i militari russi con continue estensioni della NATO e, quando arrivavano delle reazioni, punire Gazprom con le sanzioni commerciali e finanziarie.
In assenza di una contrapposizione ideologica, la propaganda occidentalista deve ripiegare sulla demonizzazione di Putin: “il criminale, l’ animale, l’autocrate delirante, l’avvelenatore, il despota sanguinario”, cioè la solita fiaba del dittatore pazzo. A differenza di Hitler, che aveva alle spalle un’ideologia preesistente alla sua leadership, Putin fa invece la figura del “mutante”, il “Mule”, del romanzo di Asimov, un’anomalia antropologica in grado di modificare il corso della Storia e di mettere in pericolo la sopravvivenza dell’umanità con la sua stessa esistenza. Anche se si tratta di fiabe, il troppo è troppo.

A meno che non siano stati ipnotizzati da questa scadente propaganda, i leader europei dovrebbero sapere bene che Putin è solo una figura di mediazione tra i due potentati che dominano in Russia: Gazprom e l’esercito. Indebolire Gazprom comportava automaticamente far crescere il potere dei militari russi poiché veniva meno la capacità di Gazprom di corromperli. La decisione cruciale che ha messo fuori gioco Gazprom quindi non l’ha presa Biden, ma il cancelliere tedesco Olaf Scholz, quando ha deciso di bloccare la messa in opera del gasdotto Nord Stream 2. Il pretesto ufficiale per il blocco è stato il riconoscimento da parte del governo russo delle repubbliche indipendentiste del Donbass. Si trattava ancora di un atto puramente diplomatico, quindi niente di irreparabile; mentre la sospensione del Nord Stream 2, quella sì, ha messo la Russia nella condizione di perdere i soldi, ma dopo anche la faccia se non avesse invaso l’Ucraina. In effetti col blocco del Nord Stream 2 la Russia non aveva più niente da perdere, poiché nessuna successiva sanzione avrebbe potuto risultare così grave come quella.
Molti osservatori, preoccupati per la piega che stanno prendendo gli avvenimenti, lamentano una presunta “assenza dell’Europa” invocando un’iniziativa diplomatica dei Paesi europei che possa impedire il peggio. Biden si sbraccia, straparla e dà i numeri, quindi attira su di sé tutta l’attenzione, ma forse la realtà è un po’ più complicata.
Non è ancora chiaro l’atteggiamento della Francia. Per quanto riguarda la Germania invece non è da escludere che nella decisione di Scholz abbia avuto un ruolo determinante il lobbying degli armamenti, dato che la tensione con la Russia ha indirizzato i flussi di capitale verso la prospettiva di un riarmo tedesco in grande stile. I tempi sono troppo ravvicinati per non essere sospetti: il 22 febbraio arriva la decisione di Scholz sul blocco del gasdotto, il 24 febbraio c’è stata l’invasione russa, ed il 28 febbraio Scholz ha annunciato i primi cento miliardi di investimenti in armi, come se la decisione fosse ineluttabile a causa dei capitali che si erano già smossi e perciò si aspettassero solo le condizioni per renderla nota.
L’impressione è che anche l’attuale, ed inconsueto, estremismo italiano faccia da sponda servile all’inconfessato estremismo tedesco, secondo lo schema del poliziotto buono e del poliziotto cattivo. L’oligarchia italica ha messo da parte il Green Pass (ma solo per il momento!), ponendo in standby gli annessi sogni di grandeur dell’Italietta per il primato nella corsa ai programmi di controllo sociale digitale, con la rinuncia, per ora, agli atteggiamenti da prima della classe tenuti durante l’emergenza Covid. Oggi la priorità è mettersi in fila per agganciarsi al flusso di denaro pubblico che il governo tedesco riversa sulle armi.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (5)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (52)
Commentario 2022 (53)
Commentario 2023 (53)
Commentario 2024 (20)
Commenti Flash (61)
Documenti (30)
Emergenze Morali (1)
Falso Movimento (11)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (33)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (19)
Riceviamo e pubblichiamo (1)
Storia (9)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


24/05/2024 @ 15:09:18
script eseguito in 54 ms