"
"L'elettoralismo risulta così euforizzante perché è una forma di pornografia, attiene cioè al desiderio puro, magari con quella dose di squallore che serve a conferire un alone di realismo alla rappresentazione. Ma i desideri, i programmi e le promesse elettorali non sono la realtà, che è invece scandita dalle emergenze. L'emergenza determina un fatto compiuto che azzera ogni impegno precedente, ed a cui ogni altra istanza va sacrificata, come ad un Moloc. Carl Schmitt diceva che è sovrano chi può decidere sullo stato di eccezione. Ma nella democrazia occidentale vige uno stato di emergenza cronica, cioè uno stato di eccezione permanente, l'eccezione diventa la regola."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commenti Flash (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 01/11/2013 @ 00:47:48, in Commenti Flash, linkato 993 volte)
"Colpo di scena" al processo Adinolfi. Un tribunale chiaramente intenzionato a condannare senza prove, poi si è tirato indietro di fronte all'esibizione di una "prova" clamorosa, fornita dagli stessi imputati. I diritti degli imputati sono stati platealmente violati sottraendo loro la parola, ed il comunicato di Cospito è stato letto dal giudice, ma senza sottoporlo ad alcuna verifica dibattimentale, confessando così che la condanna era preconfezionata.
Di fronte ad una condanna già decisa per un'azione che non potevano aver commesso - ma che comunque approvano -, gli imputati Cospito e Gai hanno spiazzato il tribunale con una beffarda "confessione". Evidentemente Cospito e Gai avevano avuto modo di saggiare l'inconsistenza morale e la mancanza di dignità della controparte, perciò l'azzardo ha raggiunto l'effetto, mostrando ancora una volta la faccia di uno Stato che, pur provvisto di ogni mezzo per opprimere e schiacciare, risulta al tempo stesso tremebondo, sleale e bisognoso di barare allo stesso gioco di cui ha dettato le regole.
Il sarcasmo della "confessione" di Cospito forse era troppo imbarazzante, specialmente quando narrava una frase attribuita ad Adinolfi: "Bastardi, so chi vi manda!". In effetti, quando viene sparato un trafficante di scorie tossiche, sarebbe molto più sensato cercare il responsabile tra i suoi complici.
Patetico poi il commento del Pubblico Ministero, che ha ammesso che di una confessione senza pentimento non sa proprio che farsene.
 
Di comidad (del 26/09/2013 @ 00:11:59, in Commenti Flash, linkato 1731 volte)
La stampa italiana è piuttosto sconcertata per il voltafaccia del giornalista della "Stampa" Quirico. Appena sceso dall'aereo dopo essere stato liberato (come?), al giornalista facevano la solita domanda: "Come l'hanno trattata i rapitori?" e Quirico rispondeva: "Malissimo".
Ma come, i gloriosi combattenti dell'esercito libero siriano si sarebbero comportati male? Non si sa se Quirico sia davvero così ingenuo, ma poi spiegava che quella che aveva visto non era affatto una laica rivoluzione contro un regime sanguinario; ma un'accolita di tagliagole, jihadisti, assassini prezzolati e così via. Panico tra i commentatori nostrani quando Quirico spiega che con i "ribelli" al potere sarebbe molto peggio che con Assad; insomma lascia balenare l'idea che converrebbe appoggiare Assad.
Durante una delle prime interviste, Quirico raccontava anche che il suo compagno di prigionia (un giornalista belga) era sicuro di aver sentito i rapitori parlare delle armi chimiche e attribuirsene l'uso; ma Quirico aggiungeva che non voleva credere al suo compagno di prigionia.
Secondo i commentatori nostrani, il voltafaccia di Quirico resta inspiegabile.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (45)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (4)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


11/11/2019 @ 20:42:16
script eseguito in 105 ms